Ibm spinge sullo standard UP31

Aziende

Assieme ad altri vendor, Ibm ha deciso di promuovere UP31 come standard
per l’integrazione trasparente di soluzioni per l’automazione del
workflow.

UP31, nato grazie all’apporto di importanti vendor quali Ibm, Duplo, Hunkeler, Océ, Stralfors e Xerox, sarà registrato come marchio e ne verrà concessa la proprietà intellettuale su licenza a terzi. Questo l’obiettivo che si pongono Ibm Printing Systems Division e gli altri produttori; allo scopo è stato costituito un team di lavoro a Londra, il cui obiettivo è promuovere e seguire l’evoluzione dello standard, che consente la comunicazione end-to-end di dati di sistema tra stampanti e componenti hardware di pre e post processing, all’interno delle linee integrate per la stampa digitale. UP31 basa la sua forza sul fatto di essere uno standard non proprietario e non legato ad alcun produttore, permettendo così l’integrazione non solo con gli attuali standard di workflow, ma anche con quelli futuri. Il marchio verrà registrato in Australia, Canada, Stati Uniti, Svizzera, Sud Africa, Giappone ed Europa, e verrà concesso gratuitamente a tutte le terze parti interessate, che potranno usare il marchio e le sue specifiche.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore