Ibm sposa Firefox

NetworkProvider e servizi Internet

L’azienda istallerà sui computer dei propri impiegati il browser di Mozilla Foundation

Sono 300.000 i computer di Big Blue su cui sarà disponibile il browser open source Firefox. È un segnale, questo lanciato da Ibm, destinato a dare nuova spinta alla scalata nelle statistiche Web del browser di Mozilla Foundation contro Internet Explorer. Firefox ha da poco doppiato il giro di boa dei 50 milioni di download e, forte del 6,75% di market share secondo WebSideStory, si avvia progressivamente alla soglia del 10% entro l’anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore