Ict italiano in salute

Workspace

L’Osservatorio permanente della società dell’informazione registra 100 mila imprese nel mercato Ict

L’Osservatorio permanente della società dell’informazione è stato creato dal Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie e da F edercomin. La presentazione è avvenuta in collaborazione di due istituti di ricerca (Idc e Nielsen Media Research). L’iniziativa ha già iniziato a dare i suoi frutti: da giugno 2004 in Italia le imprese italiane del comparto Ict hanno raggiunto la quota di 100.000 unità. 77.300 sono le imprese attive senza situazione di criticità, 32.000 quelle strutturate (con addetti) e organizzate per svolgere attività di impresa, 28.700 le forme societarie con dipendenti. Gli addetti occupati nei settori It e Tlc ammontano al 4,4 per cento dell’occupazione totale. Si riscontra un ritardo nell’accesso a Internet solo per le aziende della fascia dimensionale più bassa con meno di dieci addetti, in cui l’accesso alla Rete sfiora solo il 43%. Circa il 33,6% delle imprese italiane usa quotidianamente lo strumento Internet per contattare la Pubblica Amministrazione. I siti della Pa sono stati consultati, nel secondo trimestre del 2004, da oltre 10 milioni di cittadini. Gli italiani ricorrono all’e-government soprattutto per ricercare informazioni nel 77,3% dei casi; per effettuare download di modulistica nel 38,3% dei casi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore