IDC: 2003 magro per i PDA

Workspace

A livello mondiale, il quarto trimestre ha registrato una lieve
crescita, grazie soprattutto alle ottime performance di palmOne e
Hewlett-Packard nella stagione natalizia.

A livello mondiale, il quarto trimestre ha registrato una lieve crescita, grazie soprattutto alle ottime performance di palmOne e Hewlett-Packard nella stagione natalizia. Secondo il rapporto Worldwide Handheld QView di IDC, le vendite unitarie di PDA hanno registrato una crescita minima valutabile introno al 3,2% anno su anno nel quarto trimestre 2003 e un aumento sequenziale del 52,7%, ovvero 3,4 milioni di unità. Tra i principali produttori, Hewlett-Packard ha registrato una crescita anno su anno del 101,5%, grazie ad un’offerta particolarmente ricca e diversificata. I top 4 vendor hanno mantenuto la propria posizione nel mercato, ma Toshiba è stata scalzata da Medion, che si è aggiudicata la quinta posizione. Per l’intero 2003, il mercato mondiale è sceso a 10,4 milioni di unità, un calo del 17,9% rispetto ai 12,6 milioni di unità dell’anno precedente. Secondo IDC, questo declino sarebbe attribuibile alla crescente concorrenza dei cellulari. «I consumatori non scelgono più i dispositivi che offrono solo personal information management (PIM), ma prodotti che combinano le caratteristiche dei PDA a quelle dei cellulari. HP e palmOne hanno goduto di una stagione positiva perché offrono nei loro prodotti funzionalità per ora non presenti nei telefoni», sostiene David Linsalata, analista del Mobile Devices program di IDC. Per sopravvivere, i produttori di PDA devono continuare a differenziarsi ed espandersi in categorie di prodotto tipo media player e telecamere digitali». Per quanto riguarda i singoli produttori, palmOne ha segnato una crescita sequenziale su base trimestrale del 56,7%, passando dal 37,5 al 38,5 del mercato. HP, scende dal 25,9% del quarto precedente al 25,1%, ma rispetto al 2002, su base annua le vendite sono aumentate del 101,5%. Sony è al terzo posto con il 13,9% del marcato pur essendo calato del 2,8% il numero delle unità vendute. Al quarto posto si trova Dell con il 21% di crescita sequenziale e il 167,4% su base annua e il 4,8% di mercato. Segue al quinto Medion che ha scalzato Toshiba grazie ai buoni risultati conseguiti in Europa con i suoi prodotti a basso costo: 100.000 unità vendute e una crescita sequenziale del 104,2%.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore