IDC: I consumatori preferiscono gli ibridi ai tablet

AziendeMercati e Finanza
IDC: I consumatori preferiscono gli ibridi ai tablet
1 4 Non ci sono commenti

Per tutto il 2015, le vendite mondiali dei tablet dovrebbero registrare una flessione dell’8%, rispetto all’anno scorso. Gli ibridi attirano più utenti consumer e business

Il mercato tablet continua il suo lento, ma inesorabile declino. Gli utenti consumer preferiscono gli ibridi, i cosiddetti 2-in-1 come Surface ed altri modelli di Lenovo e Dell, ai tablet.

IDC: I consumatori preferiscono gli ibridi ai tablet
IDC: I consumatori preferiscono gli ibridi ai tablet

Per tutto il 2015, le vendite mondiali dei tablet dovrebbero registrare una flessione dell’8%, rispetto all’anno scorso, a quota 211.3 milioni di unità. Lo riporta la società d’analisi IDC. La serie consecutiva di declino del mercato tablet si trascina da fine 2014.

Al calo dei tablet, ogni vendor risponde a modo suo: Lenovo e Dell puntano sugli ibridi, mentre Apple, Microsoft e Samsung giocano la carta dei big screen, gli ampi schermi, sperando di bissare il successo dei phablet nel mercato smartphone. Ma non è detto che i display ampi, che hanno trainato le vendite dei vendor del mercato smartphone, siano il jolly per riportare il segno più nel mercato tablet. Generazioni di tavolette multi-touch non sembrano aver dato la giusta motivazione per spingere gli utenti a sostituire i loro vecchi modelli. Ma a imprimere una scossa al mercato, ci provano Surface Pro 4 con schermo da 12.3 pollici, Apple iPad Pro con display 12.9 pollici e Samsung Galaxy View, forte dei suoi 18.4 pollici.

Microsoft e Samsung aguardano al segmento consumer, mentre Apple si rivolge agli utenti business e ai professionisti creativi.

Invece i 2-in-1 spopolano: i tablet con tastiera staccabile conquistano sempre più importanti fette di mercato. Prezzi più bassi dovrebbe aiutare la domanda.

Ecco le previsioni di Idc. I tablet con schermo fra 9 e 13 pollici è in rialzo, fino a detenere il 42% del mercato tablet e raggiungerà il 55% nel 2019, mentre le difficoltà perdureranno per i modelli sotto i 9 pollici. I dispositivi superiori ai 13 pollici passerà da mezzo punto percentuale a oltre il 2% nel 2019.

Infine, TrendForce prevede un rialzo dell’1% nelle vendite di notebook. In ripresa, grazie alla fine dell’upgrade gratuito a Windows 10, dopo il declino del 6% quest’anno. Secondo TrendForce, potrebbero arrivare nel mercato nuovi contendenti come Huawei e Xiaomi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore