Idc pone l’accento su mobilità e wireless

Workspace

Alla terza edizione di Mobility Conference, è stato fatto il punto su servizi mobili e wireless di nuova generazione, standard e sicurezza

Nei giorni scorsi a Milano si è svolta la terza edizione di Mobility Conference, organizzata da Idc e con la collaborazione di IBM Italia, Sybase, BlackBerry, Intel, Microsoft Italia. L’evento, che ha visto la presenza di oltre 200 partecipanti per discutere di soluzioni mobili e wireless di nuova generazione, standard e sicurezza, ha messo a confronto domanda e offerta sui temi che possono aiutare le aziende a fare chiarezza e a prendere delle decisioni corrette su come introdurre soluzioni di mobilità nella propria realtà. L’agenda del convegno è stata arricchita dalla presenza di Andrea Rangone, Responsabile Osservatorio Mobile & Wireless Assinform-School of Management, Milano, con la presentazione dal titolo Processi, organizzazione e mobilità: tornano i conti in azienda? e Gigi Tagliapietra, Presidente, Clusit, secondo il quale la soluzione delle problematiche di sicurezza rappresenta la condizione imprenscindibile per lo sviluppo di nuovi sistemi informativi basati su wireless. Secondo Idc, per il 2004 il mercato rivela una crescita annuale superiore a quella registratasi nel 2003, e pari al 10,6%, che dovrebbe portare il valore complessivo del mercato dei servizi intorno ai 18,4 miliardi di euro. La crescita del segmento voce, superiore alle aspettative, attesta il fenomeno di crescente sostituzione del terminale mobile a danno del terminale fisso, mentre l’andamento del mercato dei MVAS nel 2004 sembra confermare le aspettative di crescita (+28,8% circa, dai 2,2 miliardi di euro del 2003 ai 2,8 miliardi di euro del 2004. Negli ultimi dieci anni i servizi radiomobili hanno guidato e sostenuto il mercato italiano delle telecomunicazioni, crescendo anno su anno. Queste premesse fanno quindi ben sperare per le prospettive di sviluppo del settore della mobilità in Italia, alla cui diffusione si sta assistendo a cominciare dal mercato consumer. Nel mercato business, come si evince dalle ultime ricerche IDC, ad oggi sono le grandi aziende (con oltre 200 dipendenti) ad avere un ricorso più marcato alla mobilità. I settori industriali i cui dipendenti accedono più frequentemente dall’esterno ai sevizi informatici tramite applicazioni mobili sono quello finanziario e quello dei servizi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore