Idc promuove la competitività del Sistema Paese

Aziende

Ieri a Roma un convegno della società di analisi ha affrontato il tema su innovazione tecnologica, sviluppo dell’occupazione e nuova competitività

Promosso da IDC, Italia Lavoro e Innovazione Italia, il progetto “Innovazione tecnologica, sviluppo dell’occupazione e nuova competitività del Sistema Paese” è stato presentato ieri a Roma. Il convegno ha affrontato, tra le altre tematiche, quella dell’offshore: “Il fenomeno dell’offshore è, ad oggi, vissuto come una possibile minaccia all’economia italiana, in tutti i settori di attività. Per quanto riguarda il mercato italiano dell’Information Technology, le stime sull’impatto della delocalizzazione di attività produttive non sono preoccupanti, se si fa un confronto con quanto si prevede per altri Paesi europei”, ha commentato Guido Pagnini, IT Research Director, IDC Italia. Secondo Idc, risulta fondamentale, in questa congiuntura, che l’Italia, come già accade per altri paesi come Irlanda e Spagna, possa trasformare questo problema in opportunità, favorendo investimenti al fine di diventare fornitore netto di servizi offshore o, più facilmente, nearshore. I Paesi, infatti, per i quali si stimano cali di occupazione più contenuti sono proprio quegli stessi, in primis Irlanda e Spagna, seguiti da Grecia e Portogallo, che si sono proposti o si stanno proponendo sul mercato globale con un solido vantaggio competitivo rispetto alla delocalizzazione, basato su incentivi fiscali, agevolazioni agli investimenti e supporto alla formazione di risorse umane. “L’impresa italiana deve uscire dalla logica della semplice delocalizzazione e trovare il giusto supporto dalle istituzioni per potersi proporre anche a livello internazionale”, ha proseguito Pagnini. “Ciascun Paese deve investire sul proprio vantaggio comparato. In Italia, oggi più che mai, è necessario che le capacità imprenditoriali, la good citizenship delle multinazionali, gli interventi delle istituzioni convergano per valorizzare i vantaggi competitivi dell’economia italiana”, ha concluso Pagnini. In agenda erano inoltre altri temi: Sistema Italia: efficienza di rete, innovazione possibile e competitività internazionale; l’innovazione come fattore chiave per il recupero di competitività dell’economia italiana; il ruolo delle Agenzie nelle politiche di rilancio della competitività e nella creazione di modelli efficienti di cooperazione.Il progetto in atto verrà elaborato in una ricerca, per fotografare lo stato dell’arte dell’IT italiano, dai casi esemplari alle opportunità. La ricerca di IDC, Italia Lavoro e Innovazione Italia verrà presentata il prossimo anno, mentre a fine 2005 verranno svelati alcuni dati preliminari dello studio in corso.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore