IDC rivede le previsioni per il 2003 il settore pubblico frena il mercato dei PC

Workspace

IDC rivede e corregge le proprie previsioni relative al mercato dei PC per l 2003, citando limpatto potenziale nel mercato mondiale di un declino maggiore di quanto prevedibile nelle vendite per il settore pubblico.

La compagnia di Framingham, che si occupa di analisi e ricerche di mercato, aveva inizialmente previsto per il 2003 che le vendite unitarie sarebbero aumentate dell8%, ma ha pubblicato questa settimana, una previsione aggiornata che indica che le vendite di PC a livello mondiale saliranno solo del 6,9%. Le vendite dirette al settore pubblico, che comprende enti governativi e scolastici, sono state alte nel 2002, ma, secondo IDC diminuiranno nel 2003. Si prevede che diminuiscano più velocemente di quanto inizialmente anticipato, a causa dei severi tagli agli investimenti da parte del governo, dovuti alle minori entrate delle tasse. Nel corso degli ultimi trimestri, le vendite di PC al settore pubblico sono state più consistenti del previsto, ma ora stiamo assistendo ai primi sostanziali tagli di fondi spiega Loren Loverde, di IDC. Il mercato mondiale dei PC, che comprende desktop, notebook e server, con processori Intel e Advanced Micro Devices dovrebbe ancora espandersi passando dai 10 milioni ai 145,6 milioni di unità nel 2003. Nel 2002, secondo IDC, le vendite unitarie avevano toccato i 136,2 milioni. Mentre sembra che il 2003 sarà un anno di alti e bassi per le vendite al settore pubblico, a causa anche delle incertezze create dalla possibilità della guerra, IDC continua comunque a credere che il mercato dei PC vedrà miglioramenti nella seconda metà del 2003 fino a tutto il 2004, perché le compagnie inizieranno a sostituire il loro datato parco macchine. Secondo le nostre previsioni, il 2004 sarà un anno più forte economicamente, in termini di transizione tecnologica e domanda mondiale per i PC, ha detto Loverde. Secondo IDC, le vendite unitarie saliranno quasi dell11% nel 2004 rispetto al 2003, fino a raggiungere i 161 milioni di unità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore