IDC: Saranno venduti 1,2 miliardi di smartphone nel 2014

AziendeMarketingMercati e FinanzaMobile OsMobilityWorkspace
IDC: Saranno venduti 1,2 miliardi di smartphone nel 2014
0 0 2 commenti

Secondo il Worldwide Quarterly Mobile Phone Tracker di Idc le vendite di smartphone cresceranno a 1,8 miliardi nel 2018. Android continuerà a dominare nel mercato smartphone

Anche se con una crescita ridotta, le vendite di smartphone raggiungeranno quota 1.2 miliardi nel 2014, mettendo a segno un incremento del 23.1% rispetto al 2013. Il sistema operativo Google Android continuerà a mantenere lo scettro del mercato smartphone, secondo IDC. Secondo il Worldwide Quarterly Mobile Phone Tracker di Idc le vendite di smartphone cresceranno a 1,8 miliardi nel 2018.

Android dominerà la domanda di smartphone con un market share dell’80.2% dalla fine dell’anno. Apple si piazzerà in seconda posizione con il 14.8%, una percentuale destinata a calare al 13.7% nel 2018.

Ramon Llamas, manager della ricerca presso IDC, ha affermato che i mercati emergenti in nazioni come India, Indonesia, Russia e soprattutto Cina sono mercati-chiave per prevedere la crescita nell’arco dei prossimi anni.

IDC: Saranno venduti 1,2 miliardi di smartphone nel 2014
IDC: Saranno venduti 1,2 miliardi di smartphone nel 2014

La Cina deterrà circa un terzo di tutti gli smartphone venduti nel  2018. Questo, e gli altri mercati, offriranno molteplici opportunità ai vendor e ai carrier, ma la chiave dipenderà dalla bilancia fra affidabilità ed aspettative” spiega l’analista di Idc.

La crescita nella domanda dai mercati emergenti vedrà Apple iOS perdere market share a causa della maggiore domanda di dispositivi più economici di iPhone.

Android attualmente ha in portafoglio gli smartphone meno costosi del mercato (con un prezzo medio – average selling price – di 254 dollari contro la media del mercato di 314 dollari).

La differente domanda di smartphone lascerà spazio a nuovi prodotti da lanciare sul mercato, secondo il diretto di programma di IDC, Ryan Reith: “Fino ad ora, low cost equivaleva a qualità povera nell’arena smartphone. Ma con l’aumentare della concorrenza sulla fascia alta, vendor come Motorola stanno offrendo dispositivi affidabili come Moto E, che offre un’esperienza ‘abbastanza buona’ in grado di incontrare le esigenze di molte persone” he said.

“Le componenti usate 2-3 anni fa negli smartphone di fascia alta sono ancora sufficienti (…) per consentire ai vendor di offrire soluzioni low-cost.”

Ci sono buone prospettive anche per la piattaforma di Microsoft, Windows Phone. Il suo volume dovrebbe passare dal 3.5% al 6.4%, per raggiungere il 30% dal 2018. L’aggiornamento a Windows Phone 8.1 con l’assistente vocale Cortana insieme all’acquisizione di Nokia trainerà le vendite dell’OS di Microsoft, il terzo sistema operativo del mercato smartphone.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore