Idf: Intel mostra i 22 nanometri, pensa a un App Store per Atom ed elogia Windows 7

ComponentiWorkspace

A Intel Developer Forum, il colosso dei chip offre una dimostrazione di Larrabee e oggi mostra Core i7, il primo processore Nehalem mobile. Nel keynote del Ceo Paul Otellini, fari puntati sulla frontiera dei 22 nanometri. Atom andrà oltre i netbook e avrà forse un App Store. Windows 7 è un sistema operativo da prima classe

L’edizione di Idf 2009 a San Francisco ha preso il via con il keynote del Ceo Paul Otellini, che ha mostrato al mondo la prossima frontiera dei 22 nanometri (oggi Intel lavora a 45 nm e passerà ai 32 nm dal quarto trimestre) prima tutto ruotava intorno al Pc, oggi il mercato si è ampliato: “computing power is everywhere“, il computing è ovunque. E spazia dai netbook, smartphone, console portatili ai device Internet, fino al settore medico, automotive e addiritture alle slot machine di Las Vegas.

Prima la tecnologia dei processovi richiedeva velocità, dimensioni e migliorie alla durata della batteryia. Ora si chiede la convergenza fra smartphone, netbook o anche un Tv al plasma: la chiave di tutto allora è il software, quello che lega tutto in un continuum e rimuove le barriere, insieme alla Legge di Moore e all’architettura delle piattaforme. Cosa ciò significa, lo vedremo con Windows 7, definito un “sistema operativo da prima classe“.

Il Ceo di Intel vuole espandere Atom, il re dei netbook, oltre ai laptop low-cost.Atom andrà oltre i netbook, perfino sulle auto d i Daimler e BMW: ma la sorpresa maggiore, riporta il Financial Times, è che Intel vuole un App Store (il negozio virtuale di applicazioni di terze parti, come quello per iPhone) per i device Atom a basso consumo: si chiama Atom Developer Program , destinato agli sviluppatori, con supporto specifico a Windows e a Moblin, e alle tecnologie

Silverlight, Flash, Visual Studion e .NET.

inoltre Intel ha offerto una dimostrazione di Larrabee, il primo processore grafico discreto o standalone in dieci anni (all’inizio dedicato al gaming), che andrà a competere con Nvidia e Amd Ati.

Oggi dovrebbe essere il giorno di Core i7, il primo chip della famiglia “Nehalem” mobile per notebook. Core i7 “Clarksfield” è un chip quad-core ad alte prestazioni, dopo il lancio di Lynnfield (Core i5 e i7 per desktop). Poi sarà la volta del dual-core Arrandale.

Secondo Otellini, infine, il mercato Pc riprenderà quota dal 2010: il peggio sembra davvero passato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore