IDF rafforza l’alleanza tra Cisco e Intel

Aziende

A Intel Developer Forum Intel delinea la rodmap aziendale. E con Cisco Systems annuncia di puntare a una maggiore affidabilità delle reti Wireless LAN

Intel Corporation e Cisco Systems hanno prodotto congiuntamente un nuovo insieme di funzionalità, denominato Business Class Wireless Suite, progettato per le aziende che dispongono della Unified Wireless Architecture di Cisco e della tecnologia mobile Intel Centrino: il pacchetto comprende una tecnologia di selezione degli Access Point (AP) che permette ai client con tecnologia mobile Intel Centrino di cercare l’AP ottimale per un roaming più rapido, affidabile ed efficiente all’interno di una wireless LAN aziendale; una tecnologia per una qualità superiore del servizio (QoS) di Voice over IP (VoIP), così da ottenere un audio più chiaro e abilitare le comunicazioni voce per i notebook. A Intel Developer Forum di San Francisco le due aziende hanno annunciato oggi il rafforzamento della loro alleanza per fornire nuove funzionalità in grado di fornire servizi di qualità superiore e di consentire alle aziende di utilizzare i computer e la rete come strumenti di difesa complementari contro le minacce alla sicurezza.Inoltre, Intel aderirà al programma Network Admission Control (NAC), un’iniziativa di settore guidata da Cisco per aiutare i clienti a individuare, prevenire e adeguarsi contro i rischi per la sicurezza; mentre Cisco aderirà al programma Intel Active Management Technology (AMT), che è parte dell’iniziativa Digital Office di Intel, è in grado di rilevare in automatico eventuali problematiche della piattaforma e consente ai manager IT di effettuare diagnosi e risolvere i problemi in remoto. Grazie all’interoperabilità tra Cisco NAC e Intel AMT, le aziende saranno in grado di difendersi meglio dalle minacce alla sicurezza, di preservare la produttività degli utenti e del business, e di ridurre i costi degli attacchi alla sicurezza, migliorando la capacità del sistema di contrastarli. I clienti potranno beneficiare della compatibilità tra Cisco NAC ed Intel AMT nel quarto trimestre di quest’anno. Ma le novità di Idf non terminano qui: nasce l’era della “mobility ovunque” grazie a servizi wireless a banda larga e nuove tecnologie per i dispositivi mobile. Sean Maloney, Executive Vice President e General Manager dell’Intel Mobility Group, ha infatti affermato che l’adozione dei servizi wireless a banda larga e i nuovi sviluppi nei dispositivi mobile, caratterizzati dal miglioramento dell’efficienza energetica e delle prestazioni, segnano l’inizio dell’era della “mobility ovunque“. Maloney ha anticipato alcune funzionalità innovative della tecnologia mobile Intel Centrino di prossima generazione (nome in codice Napa), progettata per abbattere i consumi energetici e allo stesso tempo migliorare le funzionalità grafiche e wireless, e del futuro processore mobile multi-core (nome in codice Meron). Maloney ha inoltre preannunciato i piani relativi ai componenti della piattaforma Intel per i cellulari di prossima generazione, prevista per 2006, tra cui i processori applicativi Intel XScale di nuova generazione (nome in codice è Monahans) che offriranno vari livelli di prestazioni, potenza e integrazione per soddisfare la domanda di telefoni cellulari, smartphone, palmari e dispositivi elettronici di largo consumo. Intel è anche coinvolta in diversi progetti pilota a livello internazionale sulla tecnologia WiMAX e ciascuno di questi progetti ha dimostrato come la promessa di un wireless a una banda larga basata su standard possa impattare sull’operatività del settore privato e pubblico, sugli scambi commerciali e sull’attività degli studenti. Sempre in occasione dell’IDF, Don MacDonald, Vice President e General Manager del Digital Home Group di Intel, ha dichiarato che Intel sta sviluppando un’ampia famiglia di piattaforme e tecnologie mobile per PC e dispositivi dell’elettronica di consumo (CE) e ha presentato la tecnologia Intel Viiv (si legge “vaaiv”), il brand della nuova piattaforma di Intel per la casa digitale. Durante il suo discorso MacDonald ha mostrato un piccolo e sofisticato concept PC (denominato “Golden Gate”) basato sul processore dual-core Intel di prossima generazione, nome in codice “Yonah.” Il concept PC “Golden Gate” può riprodurre video ad elevata definizione o visualizzare immagini di gioco realistiche. MacDonald ha concluso sottolineando l’importanza delle specifiche di settore per l’interoperabilità per condividere i contenuti tra i dispositivi dell’ambiente domestico in modo semplice e rapido, e ha ricordato che Intel continua a lavorare a stretto contatto con i gruppi e le alleanze di settore come la Digital Living Network Alliance, un gruppo costituito da oltre 250 membri in tutto il mondo, concentrandosi su tecnologie wired e wireless chiave come WiMAX, Wi-Fi e Wireless USB. La tecnologia Intel Viiv che sarà disponibile in nuovo tipo di personal computer, farà la sua prima apparizione nelle case dall’inizio del prossimo anno. Nella visione di Intel infatti la casa digitale è un ambiente in cui i PC e le apparecchiature dell’elettronica di consumo convergono per creare un ambiente ideale per la condivisione di contenuti digitali multimediali. Infine Paul S. Otellini, CEO e Presidente di Intel, ha presentato la nuova micro-architettura Intel ad elevata efficienza energetica per le future piattaforme destinate alla casa digitale, alle aziende, al settore mobile e ai mercati emergenti. La nuova micro-architettura, che verrà introdotta nella seconda metà del 2006, abbina la potenza delle attuali architetture Intel NetBurst e Pentium M a funzionalità innovative. Otellini ha inoltre annunciato che i prodotti a basso consumo energetico apriranno la strada a una nuova categoria di dispositivi, gli “Handtop PC” ad altissima efficienza energetica, in grado di abilitare comunicazioni e un’esperienza analoga a quella del PC, che consumano meno di un watt di potenza di elaborazione e pesano meno di mezzo chilogrammo. Otellini ha concluso ricordando l’impegno di Intel per la casa digitale e la collaborazione con il settore emergente dell’intrattenimento digitale per favorire la convergenza tra PC e dispositivi dell’elettronica di consumo. All’IDF Intel e Lenovo hanno svolto anche una demo della tecnologia di virtualizzazione di Intel (Intel Virtualization Technology). Fra le altre funzionalità di cui dispone, la virtualizzazione consentirà agli IT manager di isolare una parte della piattaforma per eseguirne la manutenzione, la risoluzione di problemi o scaricare software senza interrompere le funzioni di un PC.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore