IFA 2014, assaggi di futuro incerto

AccessoriAziendeWorkspace
2 0 2 commenti

SLIDESHOW IFA 2014 – Gli smartphone ancora protagonisti, persino a una fiera sull’elettronica di consumo tout court come IFA 2014. I passi avanti della tecnologia indossabile, su un percorso per nulla scontato, video 4k, e il ritorno di una cultura dell’audio di qualità. Queste le direttrici trasversali comuni ai vendor tra i padiglioni della fiera di Berlino

Oggi ha aperto i battenti per il grande pubblico la più importante fiera per l’elettronica di consumo europea: IFA 2014. Seconda solo al CES di Las Vegas, per gli addetti ai lavori dell’area europea, IFA 2014 si dimostra fiera ancora molto ‘viva’ e, a differenza di Mobile World Congress, che si qualifica con un ‘pedigree’B2B, IFA 2014 non disdegna per nulla l’attenzione del grande pubblico, cui riserva ogni anno se non proprio grandi sorprese, certamente almeno un paio di annunci significativi per ogni vendor.

I vendor più vicini al mondo IT anche quest’anno hanno riservato agli addetti ai lavori due giorni intensi durante i quali hanno sparato le proprie cartucce di annunci: chi in fiera (ad allestimenti appena ultimati) e chi fuori fiera. Da oggi praticamente tutte le novità sono sotto gli occhi dei consumatori. Proviamo allora a individuare alcune linee di tendenza proprio sulla scorta di quanto abbiamo visto.

Prima di tutto nessun effetto ‘wow’. Non c’è un vendor che su tutti gli altri abbia stupito con device sorprendenti o eccezionali. Questo non vuol dire però che gli annunci siano di secondo livello: Sony ha fatto esperienza dei modelli precedenti e ha proposto un convincente Sony Xperia Z3 (declinato anche in una ottima versione Compact), Samsung ha incuriosito con Edge (e i comandi posti sui bordi del display esteso fino agli spigoli laterali) e ha confermato la sua strategia di device di livello arricchiti da contenuti e partnership (ecco quindi Galaxy Note arrivato alla quarta edizione), Nokia ha presentato tre nuovi modelli Lumia 830, 730 e 735 (con l’aggiornamento Windows Phone Denim che arriverà per tutti i Win Phone 8.1 prima della fine dell’anno), Huawei è scesa in campo con il nuovo Ascend Mate 7, Lenovo con i Vibe Z2 e X2 (oltre agli altri annunci, anche nel comparto pc e tablet).

Sony e il suo e-paper watch
IFA 2014 – Sony e il suo e-paper watch

Gli smartphone e gli smartwatch in primo piano a IFA 2014

Potremmo andare avanti ancora, ma già queste proposte ci portano a una prima riflessione: a una fiera come IFA 2014 c’è tanto spazio e tanta attenzione – ancora – per gli annunci di nuovi smartphone! Una categoria di device che chiunque si sentirebbe di definire matura, ma che allo stesso tempo al pubblico piace sostituire spesso, per stare al passo. Niente display flessibili, nessuna rivoluzione tecnologica per le batterie, ma grande attenzione nel seguire il pubblico proprio su questi aspetti, con Xperia Z3 che assicura due giornate di lavoro e la proposta Samsung Note Edge più tentativo che strada convincente. Gli smartphone si fanno spazio in proprio nei giorni di IFA anche perché c’è da marcare il territorio in attesa del 9 di Settembre con gli annunci di Apple. E se per i tablet – qualcosa di nuovo arriva da Toshiba, ma in piena linea di continuità, con l’Encore Mini, e ancora da Lenovo con il Tab S8 – si potrebbe anche rimanere stupiti dal fatto che proprio IFA 2014 è scelta per portare anche annunci di veri e propri nuovi laptop (piccoli che siano, anche con Android, oppure persino novelli netbook): lo fanno Asus, Toshiba (con i Chromebook che però non saranno venduti per il momento in Italia), Lenovo, Acer.

Altro spunto di riflessione: gli smartwatch. Abbiamo toccato con mano quelli di Sony (lo SmartWatch 3 e SmartBand Talk), abbiamo visto quelli di Asus (ZenWatch) e di altri vendor, molto bene ha fatto LG per esempio con G Watch R. Non troviamo ancora però proposte del tutto convincenti. La via va definendosi, ma allo stesso tempo restano numerosi interrogativi. Sony per esempio ha provato a cambiare e proporre una strada alternativa con l’e-paper (tecnologia già esperita da altri vendor prima di Sony), con pregi e difetti, ma almeno visibilità perfetta nelle più comuni condizioni luminose per l’utilizzo di un orologio.

E’ il concept stesso di orologio, che in un certo senso va ripensato o ri-indirizzato. Anche perché c’è una generazione che non l’ha mai avuto, un orologio, passando direttamente allo smartphone. Non serve quindi un doppione di funzioni, e abbiamo qualche dubbio che possa servire anche un’esasperazione di funzionalità in relazione al ‘fitness’, se non come curiosity esperienziale iniziale (che presto stufa o non serve tutte le esigenze del target). Allo stesso tempo ‘spostare’ su un orologio le funzionalità di uno smartphone è – diciamo – problema più serio.

Anche in questo caso vedremo che accade in relazione alle mosse di Apple. La strada giusta potrebbe essere la più lunga da percorrere, quella lontano da una proposta di livello ‘gadget’, perché ancora lì siamo nella maggior parte dei casi e delle proposte, magari anche abbandonando i materiali policarbonati e le forme viste ripetutamente fino ad ora. C’è spazio ancora, e tanto, per sviluppare tecnologia da indossare. Le videocamere per esempio diventano sempre più sofisticate, l’approccio ‘virtuale’ di Samsung è ancora tecnologia da indossare, ma anche in questi casi il futuro sembra incerto, la via ancora da sperimentare. Non siamo insomma davanti a un’IFA di svolta, perché di temi realmente nuovi, di cui non abbiamo già sentito parlare, non ce ne sono.

IFA 2014 – 4K e il ritorno dell’audio

Se il tramonto di una proposta video 3D a IFA 2014 quasi era data per scontata, non ci ha sorpreso per nulla la spinta sulle soluzioni 4K e non parliamo solo di televisori. La cultura delle immagini 4K pervade sia il mondo della fotografia, sia ovviamente quello dei video. I vendor spingono gli utenti stessi alla produzione di contenuti, unica via per valorizzare l’acquisto di un display 4K, considerata, di fatto, l’assenza di trasmissioni e di film. Tra i protagonisti di questo ‘shift’ c’è sicuramente Panasonic che ha annunciato la nuova videocamera HC-X1000, prosumer 4K da tremila euro, con ottica di lusso Leica. La risoluzione 4K permette non solo riprese a una risoluzione top, ma può essere funzionale anche a migliorare le immagini proposte poi sui televisori full-hd per una migliore stabilità di immagine proprio raggiungibile con il ‘taglio’ dell’inquadratura. Panasonic dedica addirittura una parte del proprio stand a questo tipo di tecnologia e a tutte le possibili applicazioni e vantaggi.

Ecco, un’idea per una lettura di IFA 2014 è proprio quella di un’edizione di conferme, anche di sperimentazione, ma con tanta ricerca della qualità, senza necessariamente proporre tecnologie intrinsecamente rivoluzionarie.

Per esempio abbiamo notato, trasversale, un grande ritorno della proposta di prodotti per ‘musicomani’ e audiofili: Panasonic ha riportato nel nostro continente il marchio Technics con un impianto del valore complessivo superiore ai 40mila euro, e si badi, è un impianto per la casa. Quindi una soluzione di lusso, di qualità assoluta, e per pochi selezionati clienti rappresentata dal sistema C-700 e R1. Sony non ha disdegnato di proporre un Sony Walkman NWZ-A17 (con le cuffie Sony MDR-1A per l’esperienza Hi-Res Audio) che si va ad aggiungere agli altri modelli Walkman di fascia alta. Proliferano ovunque cuffie ben oltre i 250 euro (anche lasciando perdere i marchi blasonati con cui il mondo IT ha stretto partnership di ogni tipo, vd. Beats Audio).

Technics
IFA 2014 – Panasonic riporta in Europa Technics

Infine vanno avanti proposti spesso a livello ‘prototipale’ sistemi di intrattenimento domestico futuristici: per esempio lo “specchio magico” da bagno di Panasonic che è in grado di rilevare lo stato di salute della pelle delle signore, suggerire i prodotti migliori per la cura, generare anteprime su acconciature, trucco e così via, oppure il grande display-libreria da salotto, da cui scegliere come in una scaffalatura virtuale musica, video, album di famiglia, canali Tv, sfogliando il proprio catalogo, mentre un uccellino consegna ‘virtualmente’ la posta elettronica. Cose dell’altro mondo, insomma, sempre più vicine, ma per tutti ancora lontane.

IFA 2014 Reportage

Image 1 of 37

IFA 2014

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore