Il 2010 di Intel porta la grafica integrata nel processore su desktop e notebook per tutte le tasche

ComponentiWorkspace

Nella fascia più alta in termini di prestazioni restano le CPU Quad Core, ma con i nuovi Core i7, i5 e i3 arriva la grafica integrata nel processore e si aprono nuovi scenari

Secondo Intel il 2009, pur essendo stato un anno di crisi, ha evidenziato come nel complesso il mondo Pc abbia tenuto. E’ il mondo consumer che nel momento di crisi economica cresce, mentre arranca il mercato business. Con alcune distinzioni: si vendono meno desktop, rispetto ai portatili, ancora di più soprattutto in Italia, Paese per eccellenza votato alla mobilità. Per i Pc desktop si assiste a un’evoluzione: spariscono i tower, si affermano gli all in one e gli small factor. Nel mondo dei portatili si assiste invece a uno spostamento delle scelte verso l’ultraportatile (sottile, leggero, sotto i 14 pollici), un vero ‘personal’ percepito cioè come uno smartphone (simbolo per eccellenza della comunicazione privata) e, insieme, a un certo cambio di utilizzo del computer. Internet resta il baricentro che guida la tipologia di consumo. Con oltre un miliardo e 600 milioni di utilizzatori sul pianeta, il Web offre ai costruttori tante altre opportunità per creare dispositivi in grado di collegarsi a Internet nel futuro. Una ricerca Morgan & Stanley evidenzia addirittura come il pubblico sia portato a rinunciare a beni materiali, anche all’elettronica, ma non alla connessione che viene preservata e considerata come bene irrinunciabile anche rispetto al semplice utilizzo del cellulare. Social networing, video, streaming, editing dei contenuti multimediali, sono lo zoccolo duro su cui poggia l’evoluzione del mercato consumer. Tutti compiti che richiedono una macchina veloce, senza compromessi per l’utilizzo in multitasking. Il rinnovo dei Pc a casa passa proprio dalla necessità di uso di software di elaborazione e creazione di contenuti multimediali.

In questo contesto si colloca la risposta di Intel con l’offerta dei processori per il 2010. Intel è pronta con 5 processori Core i7 per computer portatili (i7-620M, i7-640LM, i7-620LM, i7-640UM, i7-620UM), 8 nuovi processori Core i5 (i5-540M, 520M, 520UM, 430M in ambito mobile e 670, 661, 660, 650 per il desktop),quattro processori Core i3 (due mobile, 350M e 330M e due per il desktop 540 e 530). Inoltre Intel introduc e sette nuovi Chipset (QS57, QM57, HM57, HM55 in ambito mobile e Q57, H57 e H55 in ambito desktop) e tre schede di rete Wif i: Intel Centrino Ultimate-N6300, Advanced-N6200, e Intel Centrino Advanced-N con WiMax 6250.

Guardando in dettaglio le caratteristiche dei processori si tratta, nel caso dei nuovi Core i7, di un’offerta tutta per i portatili. Sono tutti processori Dual Core con processo produttivo a 32 nanometri con i relativi benefici per quanto riguarda il numero di transistor impiegati, la loro velocità e il consumo ridotto. La microarchitettura di base è la stessa dei Core i7 e Core i5 già introdotti, quindi con il memory controller integrato nel processore, con Hyper-Threading e Turbo Boost e con Intelligente Power Gateing per spegnere i core che non stanno lavorando quando serve.

Innovativa invece e rivoluzionaria è l’architettura che prevede integrata all’interno del processore la parte di elaborazione grafica. E’ questa un’evoluzione valida per tutti i processori che fanno parte dell’annuncio. E’ questa la novità più significativa. La grafica integrata nel processore significa vicinanza alla memoria, non più nel chipset (che ha sempre tecnologia più anziana rispetto al processo produttivo utilizzato per le Cpu). Indubbi i benefici.

I punti di forza: i processori Core i7 per i portatili sono dedicati a coloro che cercano il massimo delle prestazioni, i Core i5 sono invece i processori più flessibili. Con Turbo Boost questi ultimi si possono adattare alle esigenze di elaborazione, ma consumano anche meno e soprattutto costano meno. A numero più alto infatti, nella divisione, corrisponde anche un prezzo superiore. Core i3 è un entry level di nuova generazione. Alte prestazioni ma senza Turbo Boost e quindi con performance inferiori rispetto a Core i5. Penryn (Dual Core a 45nm) chiaramente non muore, semplicemente viene proposta l’evoluzione alla nuova piattaforma Clarkdale.

Il nuovo scenario quindi vede nel mercato dei notebook i Core i7 già annunciati a 45nm Quad Core come i processori più potenti, mentre Arrandale (Core i7, core i5 e core i3 a 32nm con grafica integrata, oggetto dell’annuncio) andrà a collocarsi nella fascia prestazionale appena inferiore.

Nel mercato desktop top di gamma restano i processori Intel Core i7 Quad Core a 45 nm (Bloomfield, serie 900) e appena sotto gli stessi processori della serie 800 e 700. Intel Core i5 e i3 – tutti Dual Core – si collocano appena sotto, ma con il vantaggio anche in questo caso della grafica integrata nella CPU, vi fanno parte i modelli della serie 600 e 500.

La grafica integrata nel processore, soprattutto in ambito mobile, offre molta più flessibilità in termini di prestazioni e consumi. E’ previsto il supporto nativo Blu-ray, per Hdmi, Display Port, è stata migliorata ancora la possibilità di clonare rapidamente un disco. Tutti i nuovi processori gestiscono le memorie DDR3. Grafica e memory controller integrati nel processore riducono tutto a un solo chip, quindi sistemi più piccoli e compatti, con la possibilità di creare nuovi concept Pc. Se si connette grafica esterna, a sua volta sarà connessa direttamente al processore. Resta configurabile l’utilizzo della grafica integrata o discreta, con una serie di profili personalizzabili.

Per quanto riguarda le prestazioni con i laptop facciamo riferimento ai test Intel. Rivelano che tra Intel Core i5-430M e Intel Core 2 Duo P7550 si possa guadagnare circa il 34% in termini di velocità nel multitasking, il 42% nella creazione di contenuti con Intel HDXPRT 2009 e il 20% nel punteggio benchmark SYSmark 2007. Sul fronte desktop invece Intel Core i5-650 rispetto a Intel Core 2 Duo E6400 consenta di essere 2,7 volte più veloci nel multitasking e 2,8 volte nella generazione dei contenuti. Valori doppi invece per quanto riguarda il punteggio dei Sysmark 2007.

Un’ultima nota sui prezzi dei modelli top di gamma: Intel Core i7-620M (2,66 GHz , Dual Core, 4 Mbyte di cache, DDR3 1.066 Mhz, TDP 35W) costa 332 dollari (prezzo unitario per 1.000 unità). Nel mercato desktop invece Intel Core i5-670 (3,46 GHz, Dual Core 4 Mbyte di cache e DDR3 a 1333 MHz, TDP 73W) costa 284 dollari.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore