Il Blackberry riparte da 10

AccessoriAziendeMobilitySmartphoneWorkspace

Research In Motion (RIM) rilancia il Blackberry dopo aver tolto i veli alla prossima piattaforma, adesso in Alpha, Blackberry 10. Al BlackBerry World 2012 RIM ha offerto 2 mila dispositivi agli sviluppatori, dopo aver presentato le principali novità della piattaforma BlackBerry 10. Il nuovo Blackberry rinuncerà alla tastiera, ma prova a realizzare un ecosistema ricco di Web apps. La sfida ai concorrenti riparte da un Blackberry adatto all’era BYOD, in cui gli utenti portano sul lavoro il loro terminale preferito

Thorsten Heins, CEO di RIM, con l’aiuto di Vivek Bhardwaj, a capo del software, ha svelato alla platea un voluminoso dispositivo con il nuovo sistema operativo che a prima vista mostrava un’interfaccia simile a quella di Windows Phone con i tile (mattoncini) invece che icone. Dopo aver sottolineato i migliormanti alla tastiera virtuale, in grado di imparare con il tempo le abitudini dell’utente fino a calzare “come un guanto”, ha mostrato il software Mobile Fusion che, a un anno da ora, oltre alla versione on premise, sarà offerto in modalità gestita come servizio e come soluzione cloud based. Alcune indiscrezioni hanno citato anche un nuovo tablet Blackberry , nel senso di un aggiornamento al prossimo Blackberry 10 anche il Playbook.

Gli analisti da tempo dicono che il destino di RIM e il suo rilancio sono delegati alla nuova piattaforma Blackberry 10, con qualche dubbio che RIM debba affrontare un ritardo che pare incolmabile su Apple e Google. La difficoltà resta il successo non di massa di RIM nel mercato nordamericano dei consumatori, dove Android domina, seguita da iPhone.

La  tastiera virtuale e l’app fotocamera time-shifting sono le maggiori novità del decimo aggiornamento del software Blackberry. L’applicazioni Time-shifting punta sulla memoria digitale: quando si scopre che, in una foto scattata, uno dei soggetti inquadrati non è venuto al meglio (per esmpio ha gli occhi chiusi), si seleziona il volto, si torna indietro nel tempo con un orologio “wind back”, frame dopo frame, fino a inquadrare il momento in cui aveva gli occhi aperti e si salva così la foto migliore, corretta ad hoc. Un’applicazione che potrebbe conquistare gli utenti consumer. È infatti il fenomeno della consumerizzazione dell’ IT – o BYOD– che minaccia il Blackberry: ha già decretato la vittoria di Android o iOS, anche se Windows Phone e Blackberry vogliono farsi strada come alternativa al duopolio nel Mobile.

Il titolo di RIM ha perso il 70% del suo valore negli ultimi 12 mesi: Blacberry 10, al momento in Developer Alpha, che uscirà nella seconda parte del 2012, rappresenta l’ultima opportunità per la riscossa.

Rim svela Blackberry 10 senza tastiera
<p>Rim svela Blackberry 10 senza tastiera</p>
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore