Il blogger americano pirata è stato condannato

CyberwarSicurezza

Kevin Cogill, il blogger che aveva bruciato il lancio dell’album dei Guns N’ Roses, è stato condannato alla condizionale: dovrà anche fare uno spot anti-pirateria

In Usa è giro di vite contro la pirateria online: dopo la sconfitta di mamma Jammie Thomas , condannata a una maxi-multa, e in seguito alla vittoria della Riaa sui newsgroup di Usenet, arriva una nuova stangata per gli “amici dei pirati online”. Il blogger-pirata è stato condannato: Kevin Cogill, il blogger che aveva bruciato il lancio dell’album dei Guns N’ Roses, è stato condannato alla condizionale: dovrà anche fare uno spot anti-pirateria.

A dicembre il blogger aveva ammesso di aver violato il copyright. Cogill aveva uploadato nove canzoni dell’album dei Guns N’ Roses “Chinese Democracy” sul sito web antiquiet.com, anticipando di cinque mesi prima l’uscita del Cd.

Lo spot andrà in onda durante i Grammy Award del prossimo 31 gennaio.

Cogillha ricevuto un forte sconto sulla pena, per aver collaborato a individuare la fonte originale da cui Cogill ha prelevato i brani musicali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore