Il boom delle-commerce in Inghilterra

E-commerceMarketing

La grande ripresa del commercio elettronico nel Regno Unito non e casuale, ma e dovuta a ragioni ben precise

LONDRA. Secondo una ricerca condotta da Forrester Research per conto della societa di vendite on-line Imrg, nel mese di novembre 2002, per la prima volta, i consumatori del Regno Unito hanno speso in acquisti on-line oltre un miliardo di sterline (circa 1,6 miliardi di euro) con un aumento rispetto allanno scorso di oltre il 95%. Le-commerce inglese, in questo modo, ha raggiunto dei livelli superiori, in proporzione, persino rispetto agli Stati Uniti. Difatti, stando a questi ultimi dati, la crescita inglese risulta ben tre volte piu veloce ed allo stato attuale gli acquisti on-line britannici rappresentano il 4% di quelli totali contro l1,3% degli Stati Uniti. Diverse sono le cause di questi grandi progressi del commercio elettronico in Inghilterra la convenienza degli acquisti, la vasta gamma di prodotti disponibili on-line, il risparmio di tempo, ma probabilmente due sono le ragioni predominanti innanzitutto la diffusione della banda larga che con le tariffe flat consente unagevole ed economica ricerca su Internet dei prodotti da acquistare e poi la grande e fruttuosa attivita del Governo inglese sul fronte legislativo. Difatti gia l11 marzo 1999, il Department of Trade and Industry o DTI annunciava il Documento consultivo sul commercio elettronico (creare fiducia nel commercio elettronico), che riguardava anche le firme elettroniche. Il Governo britannico con tale documento ha preso in considerazione due modi per aggiornare la normativa (1) aggiornare i singoli requisiti di legge per le firme e le scritture nella legislazione primaria e (2) assumere poteri nella legislazione primaria allo scopo di consentire al Governo di emendare la legislazione con strumenti legali, caso per caso, per facilitare il riconoscimento legale di firme e scritture elettroniche. Inoltre, il Governo ha inteso creare una presunzione in base alla quale si stabilisce che una firma elettronica provvista di determinati requisiti (es. certificata da unAutorita con licenza) identifichi correttamente il firmatario garantendo che i dati sottoscritti non vengano alterati dopo la firma. Il 18 novembre 1999 il disegno di legge sulle comunicazioni elettroniche e stato presentato alla House of Commons e successivamente approvato. Inoltre, con Regolamento entrato in vigore il 21 agosto 2002 la Gran Bretagna (specie per quanto riguarda gli articoli 3, 5, 6, 7, 10-14, 18 e 20) ha recepito la Direttiva 2000/31/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell´8 giugno 2000 su alcuni aspetti legali dei servizi della società dellinformazione, in particolare del commercio elettronico. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore