Il "cappello rosso" si lancia sul desktop

Aziende

Pubblica Amministrazione e università sono gli ambienti che si ritiene
possano essere più ricettivi a questo tipo di proposta

Semplicemente Red Hat Desktop: è questo il nome della versione desktop di Linux messa a punto dal “cappello rosso” che viene presentata come una versione complementare al suo Enterprise Linux Ws. L’azienda non intende infatti per ora partire all’attacco di tutto il mercato desktop, ma rimane nell’ambito aziendale al quale si presenta con una formula commerciale diversa da quella di Enterprise Linux Ws. Questa, infatti, viene venduta in base al numero di utente, la versione desktop viene invece commercializzata in pacchetti da 10 o 50 unità. “Ci siamo focalizzati su questo mercato perché riteniamo che nei prossimi 12-18 mesi ci sia un grande lavoro da fare nelle aziende, nella pubblica amministrazione e nelle università per implementare questa soluzione”, ha ditto Matthew Szulik, chief executive di Red Hat. Certo, il mercato desktop è un bell’obiettivo, ma Michel Gartenberg mette in guardia: “Andare a competere con Microsoft in ambito desktop significare combattere laddove Microsoft è più forte. Il costo per togliere Windows e rimpiazzarlo con qualsiasi altro sistema, a livello desktop, è relativamente alto a meno che (RedHat) possa dimostrare una reale maggiore produttività o un grande risparmio di costi a lungo termine”. E I costruttori di computer stanno a guardare: “Per il momento da parte dei nostri clienti non ci è giunta una particolare richiesta di avere Linux sui desktop, ma continueremo a monitorare le esigenze dei nostri clienti incluso quello per prodotti di nostri partner chiave come RedHat”, ha dichiarato la portavoce di Dell Carmen Maverick. Più marcato l’interesse di Hp: “Una componente chiave della strategia Linux di Hp è quella di andare incontro alle esigenze dei clienti e l’iniziativa RedHat di supportare una versione Linux per desktop è allineanta con questa nostra vision”, ha detto la portavoce di Hp Elizabeth Phillips.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore