Caso Moncler e i cinquecento siti oscurati

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Corte di Giustizia UE: la copia privata non va confusa con l'Equo compenso

Il Tribunale di Padova ha annullato la decisione di oscurare 500 siti che parlavano del marchio Moncler

Il brand del Moncler, l’azienda del famoso piumino, era ricorso al Tribunale di Padova per violazione degli articoli 474 e 517 del codice penale, in merito alla contraffazione. Ma per combattere un reato, sul Web erano stati oscurati 493 siti Internet. Ventisette provider  erano stati contattati per bloccare gli indirizzi tramite DNS.

Dopo le rimostranze, il Tribunale di Padova ha annullato la decisione di oscurare 500 siti che parlavano del marchio Moncler. Alcuni erano senza alcun scopo di lucro e richiamavano solo il nome nel dominio. Il Tribunale di Padova era giunto a condannare preventivamente tutti i siti che hanno utilizzato, anche non per fini commerciali, il marchio Moncler.

Ma l’oscuramento era avvenuto con eccessiva solerzia. Mancano prove degli illeciti denunciati ai siti oscurati, e l’oscuramento ” violerebbe il principio di proporzionalità e adeguatezza della misura reale“. In futuro la denuncia dovrà contenere elementi in grado di giustificare la grave richiesta di oscuramento; dev’esserci un nesso fra nome e reato, in caso di richiestra di sequestro. La marcia indietro del Tribunale de-responsabilizza infine i provider: non sono “sceriffi della Rete”.

Questo cambierà tutto. Significa che i provider possono finalmente porsi a tutela degli utenti, opponendosi d’ora in avanti ai sequestri che ritengono illegittimi”, conclude Fulvio Sarzana, avvocato ed esperto di diritto di Internet. Per  i provider è una vittoria storica contro i sequestri di siti.

Dal Freedom on the Net 2011 risulta che i siti oscurati in Italia sono migliaia. L’Italia si trova fra gli 8 paesi considerati liberi anche se nel report specifico sul caso Italia si riportano criticità inerenti una situazione di oligopolio mediatico.
Molto interessante la pubblicazione dei 3103 siti web censurati in Italia e riguardanti perlopiù siti per il gioco d’azzardo online. Ma c’è chi parla di una cifra doppia.

aso Moncler

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore