Il cellulare? Eccitante per il cervello

Dispositivi mobiliMobility

Una ricerca italiana non prevede, né esclude, la possibilità di danni al
cervello per l’uso dei cellulari

Stare troppo al cellulare è dannoso per il cervello? Secondo una ricerca fatta da un team di ricercatori italiani dell’ospedale Fatebenefratelli (IRCCS a Brescia e San Giovanni Calibita a Roma), della facoltà di Psicologia dell’università La Sapienza e della clinica neurologica dell’università Campus Biomedico di Roma non è semplice dare una risposta certa. Di sicuro le osservazioni dicono che le onde elettromagnetiche dei cellulari eccitano la corteccia celebrale ossia lo strato esterno del nostro cervello che è sensibile alle stimolazioni magnetiche. Lo studio si è basato su 15 volontari che hanno usato un telefonino GSM per 45 minuti: su 12 di questi, i ricercatori hanno poi constatato come le cellule della corteccia motoria più vicine al telefono abbiano mostrato segni di eccitazione durante l’uso, per poi tornate alla normalità entro un’ora dalla fine della telefonata. Sono dunque necessarie ulteriori ricerche ma c’è da dire che i ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno rilevato su cavie animali notevoli segni di danni al cervello causati dal contatto con onde magnetiche.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore