Il Ceo di Twitter respinge le accuse di censura

AziendeMarketing
Dick Costolo, Ceo di Twitter: Cresceremo con la Wearable technology

Dick Costolo, Ceo di Twitter, punta ad espandere Twitter in nuovi mercati. La “censura selettiva” e il microblogging

Da qando Twitter ha annunciato la “censura selettiva” (il blocco di un solo Tweet a livello locale, nel caso di richiesta da parte delle autorità competenti), il microblogging da 140 caratteri è nella bufera. Dick Costolo, Ceo di Twitter, punta ad espandere Twitter in nuovi mercati, ma respinge l’accusa di “censura online”.

Nell’intervista a D:Dive, Dick Costolo ha spiegato che non sono state modificate le poliy di Twitter nella rimozione dei tweet, ma l’azienda di social media ha voluto annunciare che eviterà di bloccare i contenutiper il resto del mondo, aderendo alle normative locali: invece di fare sparire un Tweet a livello globale, verrà rimosso solo su base locale in quei paesi in cui le legislazioni sono più stringenti. Secondo Costolo, Twitter non cede alla cyber repressione, ma difende la sua scelta di potersi espandere a livello globale.

A livello proattivo Twitter non fa nulla, ma si tratta solo di un’azione reattiva” ha stigmatizzato il Ceo di Twitter. Olivier Basille, direttore di Reporters Sans Frontieres, afferma che a Twitter importa soltanto di entrare nel mercato cinese, un paese dove oggi Twitter è bloccato, ma dove il microblogging è in grande crescita.

Costolo difende anche Twitter dalle mire di Google: gli utenti dovrebbero essere in grado di ricercare informazioni dove preferiscono: oggi Google con i suoi crawler passa al setaccio Twitter 100 milioni di volte al giorno, e i Googlebot hanno 3 miliardi di pagine: i dati, a Google non mancano. Twitter isieme a Facebook e Myspace ha rilasciato il plug-in “Don’t be evil”.

Twitter difende anche la scelta di non essersi oscurato nella “serrata del Web” contro SOPA: quel giorno sono stati inviati 3.9 milioni di tweet contro SOPA e PIPA, auto-oscurarsi sarebbe stato controproducente: avrebbe voluto dire “togliere la batteria al microfono“.

Anche Twitter in futuro si quoterà in Borsa, come Facebook. I ricavi di Twitter sono destinati a salire a 540 milioni di dollari nel 2014 dai 139.5 milioni di dollari del 2011 (fonte: EMarketer), con la percentuale di fatturato proveniente dagli Usa in calo dal 90% all’83% nel 2014. L’internazionalizzazione di Twitter (apertura nelle lingue Arabo, Farsi, Ebraico e Urdu) è dunque il motivo del suo successo, ma anche del “cambio di policy” per poter operare su mercati globali. “Vorremmo che le persone in Cina potessero esprimersi” ha detto Costolo “In questa situazione, non è possibile“. Per questo motivo Twitter sta cercando di offrire un’opportunità agli utenti cinesi, senza ipotecare il proprio futuro business nel mercato cinese. Una quadratura del cerchio, se possibile.

Dick Costolo, Ceo di Twitter
Dick Costolo, Ceo di Twitter
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore