Il Ceo Marissa Mayer (Yahoo!) contro il lavoro flessibile

AziendeFormazioneManagementMarketing
Yahoo! vuole eliminare le password, intanto lancia le password on demand

Marissa Mayer (Ceo di Yahoo!) fa marcia indietro sul telelavoro. Contr’ordine ai dipendenti: ritornate tutti in azienda a timbrare il cartellino

Contro tutte le teorie finora in voga in Silicon Valley, il Ceo di Yahoo Marissa Mayer si è espressa contro il lavoro flessibile e il telelavoro. A sorpresa ha ordinato allo staff di tornare in ufficio a timbrare il cartellino, smentendo annio di “elogio del telelavoro”, come sinonimo di flessibilità vera e di maggiore affidabilità. Il telelavoro tende a prolungare le ore di lavoro. La riorganizzazione anti flessibilità suona come un campanello d’allarme in Silicon Valley, anche perché il Ceo Marissa Mayer si è creata la fama di manager creativa, ai tempi di Google, e di cacciatrice di teste e valorizzatrice di talenti. Se va in contro tendenza, non passa in osservata, insomma.

Jackie Reses, vice presidente di Persone e sviluppo presso Yahoo!, ha inviato un memo la scorsa settimana chiedendo agli impiegati che lavorano da casa, di riorganizzarsi per tornare negli uffici della società a partire da giugno: “Per diventare il miglior posto in cui lavorare, comunicazione e collaborazione saranno importanti, cosicché abbiamo necessità di lavorare fianco a fianco,” recita il memo, riportato da Bloomberg, e i cui contenuti sono stati da un impiegato di Yahoo che ha chiesto di rimanere anonimo. “La velocità e la qualità sono atati spesso sacrificati quando lavoriamo da casa” denuncia il memo di Yahoo!.

Ma la decisione di Mayer è controcorronte o la scelta giusta? CultureRx ritiene che il telelavoro in genere aumenti la produttivitàBrad Harrington del Center for Work & Family del Boston College afferma che i dipendenti che lavorano da casa sono meno stressati e più produttivi, anche perché risparmiano tempo e soldi nei trasferimenti e trasporti.

Le società stanno cambiando i propri uffici, come dimostra l’esempio di Microsoft Italia. Addio alla scrivania tradizionale, coperta di carte e scartoffie. I colossi hi-tech ormai hanno imboccato la strada che incoraggia la produttività del dipendente mettendo a disposizione un ambiente di lavoro confortevole, ma sempre più flessibile. Le nuove tecnologia – Mobile e cloud – non impongono più la presenza in ufficio. Gli orari sono in funzione della produttività, grazie a cloud computing e portatili che consentono  di lavorare da casa o fuori sede. L’importante è ottimizzare i tempi coniugando l’ufficio con gli appuntamenti esterni.

In tema vita privata-carriera, un’indagine del 2010 realizzata da Kelly Services rilevava come fosse prioritario migliorare l’efficienza lavorativa. La quasi totalità degli intervistati italiani (il 97%) riteneva che il raggiungimento di un equilibrio tra lavoro e tempo libero fosse essenziale. Ancora più “agguerriti”, rispetto ai colleghi del Bel Paese, i francesi, un tempo pionieri delle 35 ore, insieme ai lavoratori ungheresi con una percentuale del 99%, cui seguivano svizzeri, belgi e messicani (tutti al 98%).

Marissa Mayer (Ceo di Yahoo!) contro il telelavoro
Marissa Mayer (Ceo di Yahoo!) contro il telelavoro
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore