Il Ceo Steve Ballmer e altri top manager di Microsoft si tagliano lo stipendio

ManagementNomine

Il numero uno di Microsoft si riduce la busta paga del 5.5 percento, mentre senior executive scelgono di abbassare lo stipendio, nel complesso, del 20 percento. In controtendenza il capo della divisione Stephen Elop

Il Ceo di Microsoft Steve Ballmer e altri top manager del colosso di Redmond si tagliano lo stipendio: le riduzioni non sono solo simboliche, ma il numero uno di Microsoft si riduce la busta paga del 5.5 percento, mentre senior executive scelgono di abbassare lo stipendio, nel complesso, del 20 percento. Emerge dal 2009 Proxy Statement . Dopo il primo declino del fatturato nella storia di Microsoft e i tagli di 5mila dipendenti , era l’ora di offrire un segnale: e lo hanno dato dai piani alti.

Mentre in Telecom France si consuma il dramma dei 24 suicidi per via della ristrutturazione, Microsoft decide che a dare il buon esempio devono essere i vertici. Per dare un segnale che i tempi sono cambiati, che l’era delle “vacche grasse” è finita, o come disse la speaker del Congresso un anno fa: The party is over.

Ecco allora le buste paga decurtate: lo chief executive Steve Ballmer passa da 1.35 del 2008 a 1.26 milioni di dollari nel 2009, mentre lo chief financial officer (Cfo) Christopher Liddell scende da 4.8 del 2008 a 3.5 milioni di dollari di oggi.

Lo Chief operating officer (Coo) Kevin Turner scala da 8.6 di un anno fa a 5.4 milioni di dollari attuali, invece Robert Bach, presidente della divisione Entertainment e device, precipita da 8.2 a 6.2 milioni di dollari.

In controtendenza è infine Stephen Elop, capo della divisione business, che si è invece meritato, ma più per motivi “burocratici”, un aumento di stipendio da 4 a 4.8 milioni di dollari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore