Il Ces di Las Vegas

Management

Il confine tra soluzioni business e consumer si fa sempre più sottile, per vari motivi, ma soprattutto perché c’è un ponte che li unisce e li avvicina: Internet. La veridicità di tale affermazione è testimoniata da un’importante manifestazione, il Ces di Las Vegas, che con il passare degli anni è divenuto un palcoscenico anche per i fornitori di tecnologie business

Il Consumer electronic show (Ces) di Las Vegas è l’evento che inaugura l’anno. La manifestazione ha preso un po’ il posto di quello che fu il glorioso Comdex e, benché sia dedicata al mondo dell’elettronica di consumo e ai gadget elettronici, ogni anno che passa diventa palcoscenico anche per i fornitori di tecnologia più tradizionalmente business. Tale tendenza è la conseguenza di una serie di motivazioni. In primo luogo non ci sono altre manifestazioni così pirotecniche e capaci di attirare l’attenzione del grande pubblico negli Stati Uniti, ma nemmeno nel resto del mondo. Secondariamente le grandi fiere dedicate all’informatica business stanno perdendo colpi, il Cebit di Hannover più di tutti, segno che è necessario rivedere formule e metodi di queste manifestazioni (un po’ come sta cercando di fare lo Smau di Milano). In terzo luogo il confine tra soluzioni business e soluzioni consumer è sempre più sottile perché c’è un ponte che li unisce e li avvicina sempre più: Internet.

Disney, Motorola,Microsoft e Cisco

Per queste ragioni il Ces 2007 ha visto salire sul palco dei relatori di grande richiamo,oltre a Bob Iger, Ceo di Disney che ha presentato un innovativo servizio web, a Ed Zander, Ceo di Motorola che si è presentato in sella a una bicicletta per enfatizzare come il 2007 perla sua azienda sarà l’anno della mobilità e soprattutto di Internet in mobilità,a Bill Gates, ormai ospite fisso, che ha spiegato come Microsoft intende giocare un ruolo di primo piano nel mercato del ?salotto digitale’ anche a costo di mettere un server in ogni casa, oggetto battezzato Windows Home Server,che ha l’aspetto di un cilindro; ecco oltre a questi signori c’era anche John Chambers, Ceo di Cisco Systems . Ora Cisco Systems non è certo nota per essere fornitrice di electro-gadget,piuttosto è visto come serio e colossale fornitore di soluzioni per le grandi infrastrutture di rete, ciò benché nel corso del 2006 la società abbia compiuto una serie di acquisizioni assorbendo aziende con competenze e tecnologie in settori solo apparentemente distanti dal core business. Aziende che fanno set-top-box per televisori o software per la gestione del video on demand sono entrate a fare parte del patrimonio di Cisco la quale, per darsi un tono ancora più ?confidenziale’ con il grande pubblico, ha perfino ridisegnato il suo storico logo. Ecco quindi che la presenza di Chambers al Ces non deve stupire più di tanto, non foss’altro perché la quasi totalità dei gadget in mostra si collega a Internet e Internet è il business con il quale Cisco è nata e si è sviluppata fino a diventare ciò che è oggi.

Computer in auto e per tutti gli usi

Altri segnali di una sorta di ?penetrazione aliena’ di oggetti, soluzioni,prodotti più adatti al business che al consumer sono arrivati dall’accordo tra Microsoft e Ford e, per esempio,dal nuovo tablet di Nokia. Sync è il sistema che la società di Redmond e il colosso automobilistico hanno presentato,sfruttando sapientemente non solo la vetrina del Ces ma anche quella del salone internazionale dell’automobile,giunto alla centesima edizione,che si svolge quasi in contemporanea a Detroit. I passati tentativi di costruire e proporre piattaforme integrate per portare il computer in auto non sono certo andati troppo bene, sarà forse questa la volta decisiva? Certo i tempi sono più maturi, i lettori Mp3 sono un accessorio piuttosto diffuso, così come i vivavoce bluetooth e i navigatori Gps,per questo forse Sync avrà successo.

Ford ci crede e Microsoft ha bisogno di un nuovo ?spazio’ nel quale fare crescere il suo business. Nokia invece rilancia sul fronte dei tablet. Insieme a nuovi modelli di telefonini ultrasottili e ultramultimediali il costruttore finlandese ha presentato la versione rinnovata,denominata N800, del suo tablet, un dispositivo che si propone di creare una nuova categoria, una via di mezzo tra un telefonino e un notebook. Il modello precedente, N770, ha riscosso un successo limitato ma la nuova versione ha una serie di armi in più. Innanzitutto Nokia ha stretto un accordo con Skype per fare in modo che gli utenti del tablet possano effettuare chiamate telefoniche via Internet, alla quale il dispositivo si collega tramite interfaccia Wi-fi.

Poi c’è il prezzo contenuto, circa400 euro, quindi molto vicino a quello di uno smartphone, ottenuto grazie all’utilizzo di software open source come il sistema operativo Linux e il browser Opera. N800 ha inoltre più memoria e un processore più potente rispetto al suo predecessore, integra una tastiera?full’, ha una batteria che dura oltre tre ore e mezza ed è in grado di gestire i file di tutti i principali formati. N800 difficilmente può essere considerato un dispositivo propriamente consumer,piuttosto un oggetto che l’utente può impiegare sia per attività ludiche sia professionali. I dispositivi portatili adatti sia per l’uso personale che per quello professionale sono un altro pezzo del ponte tra il mondo consumer e quello business.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore