Il Ces fa il bilancio dell’edizione 2009

Workspace

Il Ces 2009 ha chiuso i battenti, con 11mila visitatori meno di un anno fa. L’evento dedicato all’elettronica di consumo, tira le somme

Il Ces 2009 tira le somme: un bilancio tutto sommato positivo, nonostante la pesante crisi Usa, addirittura ha chiuso i battenti con uno scoop: dal 201 0 potrebbe contare sulla presenza di Apple (dopo il clamoroso addio al MacWorld), ma, comunque sia, ci sarà un area Mac all’interno del Ces 201 0 (dedicata a tutti gli orfani del MacWorld), nel regno dell’elettronica di consumo.

Annunciato come il Ces della recessione (nell’anno dei grandi tagli, soprattutto al personale, delle aziende hi-tech), poteva essere un evento sotto tono e senza grosse sorprese.

I visitatori sono stati forse meno del 2007, sui 130.000, quasi 11.000 in meno rispetto al 2008. In flessione è stato anche il numero degli espositor i che è passato da 3.000 a 2.700. Tuttavia 300 erano nuovi espositori; i prodotti tecnologici messi sotto i riflettori di Las Vegas, sono stati oltre 20mila (fonte: Cnet). I big dell’hi-tech c’erano tutti (Microsoft, Sony, Palm , Toshiba , Panasonic , Hp , Amd , SanDisk , Lg eccetera), ma ai piccoli è mancata la possibilità, a causa dei tagli al budget. Inoltre domenica non solo non è stato raggiunto il picco dei 110mila visitatori, ma c’è stato un calo del 22%.

La recessione insomma si è fatta sentire anche al Ces. Tuttavia il Ces ha saputo dire la sua. A partire dal keynote di Steve Ballmer (che ha raccolto le redini di Bill Gates), con la presentazione dell’attesissima Beta pubblica di Windows 7, il Ces (pur senza nessuna rivoluzione all’attivo), il Ces 2009 ha saputo dare prova di “maturità” e calarsi nell’evento dell’evoluzione hi-tech. Nel nome della convergenza (soprattutto il matrimonio fra Internet e Tv flat ), del mobile, della tecnologia bonsai (netbook ovunque, o comun que ultra-portatili, come quello di Sony). Anche il keynote di Sony ha scommesso sulla convergenza, Web 2.0 e sul Green It, presentando anche la fotocamera WiFi, dotata di browser.

Quello che si è chiuso è un Consumer Electronics Show dell’anno della recessione, dove Less is more, dove picco è bello, e dove però c’è anche l’ottimismo della volontà: l’anno prossimo, forse, si volterà pagina. Magari con Apple, la regina del consumer nell’era dell’iPod e dell’iPhone.

Tuttoil Ces 2009 su Blog Eventi di NetMedia Europe

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore