Il chip che crea la sicurezza

firewallSicurezza

I giapponesi hanno sviluppato un chip in grado di bloccare i virus. Ma il
loro costo sarebbe troppo elevato

Ricercatori giapponesi del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology hanno inventato un microchip in grado di fermare i virus prima che questi entrino nel computer. Non sarebbero infatti residenti nel Pc, ma nel router e non rallenterebbero per nulla il funzionamento dei programmi che in quel momento si stanno usando. Una vera rivoluzione per la sicurezza, anche perché la tecnologia può essere applicata non solo ai computer ma anche a telefoni cellulari, Pda e altri dispositivi mobili. Ha però una controindicazione, e non da poco: sono troppo costosi. Questo perché i chip per essere sempre aggiornati contro i virus, debbono essere riscrivibili. L’attuale scrittura infatti è limitata a poche centinaia di virus. La società di analisi Nikko Citigroup sollecita la traduzione di una simile tecnologia in termini profittevoli per renderla accessibile ai consumatori. Ma l’analista Kengo Nagahashi precisa che questo sarà possibile solamente tra tre/cinque anni, quando la tecnologia sarà in grado di riconoscere molti virus e potrà affrontare una produzione di massa attraverso aziende come Trend Micro nel momento in cui i brevetti di Xilinx e Altera saranno scaduti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore