Il cibercrimine più lucrativo della droga

CyberwarSicurezza

Il livello di criminalita’ raggiunto in Rete e’ pari se non superiore alle attivita’ ‘classiche’ di spionaggio, pornografia, frodi

LONDON (UK).Il cibercrimine di stampo planetario ha generato maggiori profitti del traffico di droga raggiunto nel 2004. Nessun Paese e’ immune da questa piaga, mentre la velocita’ con cui esso si diffonde e’ davvero impressionante. Per esempio, i siti web usati dai truffatori vengono tenuti on line solo 48 ore per poi essere abbandonati in vista di una nuova grande entrata. Le cifre parlano di una perdita per il commercio elettronico di circa 2,8 miliardi di dollari nel 2005, causata proprio dalla mancanza di sicurezza in Rete. Il dato e’ stato reso noto da Valerie McNiven, ex specialista di finanza e sicurezza elettronica alla World Bank e adesso consigliere presso lo US Government on Cybercrime. Questi ha precisato, inoltre, che sono soprattutto le Nazioni in via di sviluppo quelle dove l’assenza di sistemi di sicurezza affidabili spalanca le porte ai cibercriminali. StudioCelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore