Il cliente chiede attenzione? Acronis apre in Italia

CloudServer

Qualche mese fa è stata inaugurata la sede a Milano. Mauro Papini, country manager Italy, fa il punto della situazione: crescita vicina al 150%

A febbraio 2008 ha aperto gli uffici a Milano, ma già in Italia era sbarcata e stava già lavorando macinando numeri. Mauro Papini, country manager Italy di Acronis ha tirato le somme della società fornitrice di soluzioni di storage management e disaster recovery.

Abbiamo avuto una crescita annuale che è andata oltre il 100%, da calcoli, direi anche quasi il 150% e questa è stata la molla che ci ha spinti aprire gli uffici a Milano perché il mercato in cui operiamo rappresenta l”onda lunga’ del mercato della sicurezza e che ora più che mai ha bisogno di una presenza diretta. Inoltre, abbiamo approntato un supporto presales e post vendita localizzato. Operiamo attraverso i distributori Questar e Italsel per quanto riguarda le licenze mentre per il boxato ci affidiamo a Avanquest”, continua Papini.

La società ha messo nero su bianco le strategie di canale e gli obiettivi per il 2008: sviluppare il canale distributivo per ottenere il corretto mix tra copertura e valore aggiunto; garantire un canale dinamico, attraverso partner localizzati e supportare la crescita degli stessi con iniziative di marketing, investimenti su eventi e corsi.

Papini è soddisfatto che in media sono 600 i lead che vengono generati dalla società e spiega cosa significa. “Si tratta – dice – di rivenditori che testano i nostri prodotti che richiedono di effettuare ciò e il numero non è per nulla esiguo, considerando che si tratta di realtà che lavorano solo sul lato business e non consumer. A fine anno, se il trend attuale fosse confermato, potremmo avere circa 6 mila nuovi clienti aziendali”.

In particolare, l’Acronis partner program suddivide i partner in tre livelli: “il livello base è rappresentato dagli Aconis software partner, si tratta di ttuti i partner registrati, il livello intermedio sono gli Acronis certified parner, si tratta di partner più strutturati verso il mercato, e sono più verticali; in fine – spiega Papini – gli Acronis enterprise solutions partner, sono i partner di livello più avanzato, individuabili nei classici system integrator. Questi ultimi due livelli – continua – devono avere almeno un tecnico certificato e sottoscrivere un business plan condiviso con noi”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore