AziendeMercati e Finanza

Microsoft batte le attese grazie al cloud

Microsoft batte le attese grazie al cloud
1 28 Nessun commento

Il Ceo Satya Nadella ha precisato che il 70% delle aziende Fortune 500 sta oggi usando almeno due differenti servizi cloud targati Microsoft. I conti della trimestrale nel dettaglio

Il secondo trimestre di Microsoft è stato trainato dal cloud computng e dai servizi Internet, Azure ed Office 365. È raddoppiato il fatturato derivante da Azure, la piattaforma di Microsoft che vende computing e servizi basati su data-center.

Microsoft batte le attese grazie al cloud
Microsoft batte le attese grazie al cloud

L’azienda guidata dal Ceo Satya Nadella batte le previsioni grazie ad aggressivi tagli dei costi e una crescente domanda per i prodotti e servizi cloud. Il rallentamento del business del software, mentre cala il mercato Pc, è compensato dalla strategia cloud e Mobile.

L’adozione di Windows 10 sta spingendo il business del software, meglio dell’andamento del mercato Pc. Nadella ha precisato che il 70% delle aziende Fortune 500 sta oggi usando almeno due differenti servizi cloud targati Microsoft. Salgono a 340 milioni i download delle apps Office sulle piattaforme mobili Apple iOS e Google Android.

I ricavi derivanti da cloud e da servizi su server tradizionali non cloud, sono aumentati del 5% a 6.3 miliardi di dollari. Il cloud business si avvia verso i 9,4 miliardi di dollari di fatturato annuale.

Il dollaro forte e una debole domanda Pc hanno generato il calo del 10.1% del fatturato totale a 23.80 miliardi di dollari. Microsoft genera più di metà dei ricavi fuori dagli USA. Le entrate nette sono scese da 5.86 miliardi, o 71 centesimi per azione, a  5 miliardi di dollari, pari a 62 centesimi per azione.

Il fatturato di Windows è sceso del 5% a 12.66 miliardi di dollari (ma il mercato Pc è crollato del 10.6% secondo Idc).

 

Il titolo di Microsoft è salito del 26% negli ultimi 12 mesi e ha guadagnato il 4.2% negli scambi after-hours.

Castigli Mirella, giornalista pubblicista. Dal 2000 ha collaborato con PC Magazine, Computer Idea, dal 2004 con VNUnet, dal 2007 ITespresso.it; con il progetto delle "Linee guida per la promozione della cittadinanza digitale: E-democracy", con il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie. Libri pubblicati: "I motori di ricerca nel Caos della Rete" (ShaKe edizioni, 2000); "Mela Marcia" (Agenzia X, 2010); "Faccia da Web" (Reg. Toscana e Dip. della Gioventù della Pres. del Consiglio dei Ministri); "Zero Privacy" (Videa #InstantBook, 2014). Nel 2013 ha collaborato con DigiArte 2013 - 10th edition, dedicato ai Google Glass.

Seguici