Il codice di Windows è finito nella rete

Management

Microsoft ha confermato le voci secondo le quali porzioni di codice
sorgente di Windows 2000 e Windows NT sarebbe disponibile sui canali P2P
e IRC.

La voce è circolata la scorsa notte su diversi Web forum dopo essere apparsa su siti come Slashdot e Neowin. Il codice sarebbe stato reso disponibile grazie a programmi peer-to-peer come BitTorrent. Microsoft ha rilasciato una dichiarazione in merito al furto, sostenendo come sia illegale, da parte di terzi, pubblicare il codice sorgente e affermando di prendere molto seriamente la faccenda. Ha comunque voluto rassicurare l’utenza spiegando che per il momento non si riscontra alcun impatto negativo per quanto la riguarda. Il codice è racchiuso in un file compresso di 203 MB espandibile in un CD, e non è completo, si tratterebbe in realtà di poche righe. Potrebbe servire a progettare attacchi al software Microsoft. Si pensi, infatti, che parti di Windows XP sono basate sui codici di NT e 2000. «Continueremo a tenere la situazione sotto controllo» viene affermato nella dichiarazione di Microsoft. La compagnia ha già avviato una indagine sulla pubblicazione del codice e una collaborazione con le forze dell’ordine per trovare la fonte della fuga d’informazioni e tenere sotto controllo eventuali distribuzioni future. Al momento, afferma la compagnia, non sembra che quanto accaduto dipenda da problemi nella sicurezza interna delle reti aziendali». La parte importante di codice è già a disposizione di governi e universit una cinquantina che partecipano alla Shared Source Initiative, che prevede la disponibilità del codice per gli sviluppatori.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore