Il crimine informatico è sempre più forte

CyberwarSicurezza

E’ quanto emerge dal rapporto stilato da Webroot che riporta la classifica
delle minacce che hanno colpito i computer italiani nel mese di dicembre 2006

Il malware diviene sempre più aggressivo e il crimine informatico è oramai in balia di soggetti che agiscono a fini di lucro. Ad affermarlo è il Threat Research Team di Webroot. Ai primi tre posti della classifica degli attacchi avvenuti in Italia, nel mese di dicembre, Webroot pone Potentially rootkit-masked files seguito da DesktopScout e 007 Spy. ?La struttura di queste minacce si evolve mese dopo mese – afferma il rapporto – assumendo forme diverse tra loro difficili da identificare e catalogare?. Per quanto riguarda gli adware, la classifica di dicembre è pressoché uguale a quella del mese precedente, con WinMovie Dialer, 180search Assistant/Zango e Linkoptimizer ai primi tre posti. Rimangono nelle prime posizioni Trojan Downloader Zlob, Trojan Downloader Tukpat e Winlogonhook, considerati da Webroot con livello di minaccia e pericolosità ?critical?.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore