Il cyber attacco mina la strategia di One Sony

AziendeMarketing
Trafugata la prima stesura della sceneggiatura di Spectre nell'attacco a Sony Entertainment
0 0 Non ci sono commenti

Il cyber attacco a Sony, che ha derubato migliaia di file compresa la sceneggiatura del prossimo film della saga di James Bond, pone ostacoli alla strategia di One Sony del Ceo Kazuo Hirai. Cessioni di business dell’elettronica di consumo, in vista?

Il cyber attacco a Sony, che ha derubato migliaia di file compresa la sceneggiatura del prossimo film Spectre della saga di James Bond, secondo Reuters, mina profondamente la strategia di One Sony delineata dal Ceo Kazuo Hirai. Il bottino frutto del cyber attacco compiuto a novembre da misteriosi hacker contro i sistemi informatici della Sony Pictures Entertainment, è ingente: copie di film non ancora usciti nelle sale, dati riservati dei dipendenti e dirigenti dell’azienda, che, una volta pubblicati online, sono diventati fonte d’imbarazzo per gli studios, e la prima stesura della sceneggiatura di Spectre, la cui uscita è prevista nel novembre dell’anno prossimo.

Secondo Reuters, l’hack dovrebbe convincere Hirai che è meglio non tenere tutti i business di Sony sotto lo stesso tetto. Già l’anno scorso l’investitore Loeb aveva domandato a Hirai di vendere parti del business dell’intrattenimento per trovare i fondi per ristrutturare il ramo dell’elettronica di consumo. Oggi Sony soffre per la debolezza di smartphone e Tv, invece va alla grande la console Playstation 4.

Trafugata la prima stesura della sceneggiatura di Spectre nell'attacco a Sony Entertainment
Trafugata la prima stesura della sceneggiatura di Spectre nell’attacco a Sony Entertainment

Ma il Ceo Hirai prevede che Sony Pictures crescerà del 36% a quota 11 miliardi di dollari in tre anni, grazie alle nuove uscite: il segmento intrattenimento, la cui profittabilità continua da 18 anni, grazie alla capacità di generare solidi profitti, rappresenta la colonna portante di Sony Group, per Kazuo Hirai.

A settembre Sony ha taliato l’outlook per la sesta volta. Gli analisti credono che Hirai dovrebbe compiere tagli più incisivi nel ramo della consumer electronics: potrebbe cedere il business delle Tv, dopo aver venduto quello dei notebook. Ichiyoshi Asset Management consiglia a Sony anche di smettere la produzione di smartphone.
Sony invece potrebbe concentrarsi nella produzione dei sensori d’immagini usati negli iPhone di Apple. La One Sony di Kazuo Hirai è sul viale del tramonto? Vedremo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore