Il Daily per ora è un flop

MarketingNetwork

Il Daily è in rosso per 10 milioni di dollari. La soluzione per salvare il progetto di Rupert Murdoch potrebbe consistere nel trasformarlo da giornale solo per iPad, a giornale anche per Android

Con 800 mila download (dell’app gratuita non trasformati in abbonamenti, se non in minima parte) The  Daily,  il giornale solo per iPad voluto da Rupert Murdoch (con partnership tecnica di Apple, è in rosso per 10 milioni di dollari. The Daily, che è stato presentato in pompa magna per “rivoluzionare” l’editoria, per ora ha più che altro terremotato i conti di Rupert Murdoch, visto che nell’ultimo trimestre ha registrato una perdita di 10 milioni di dollari.

Metà fra il magazine e il tabloid, si propone di reinventare il giornalismo senza carta e rotative. Ma solo su iPad, non sfonda, ed è probabile che debba aprire al rivale Android, forte del 35% di market share mondiale, contro il 19% di Apple.

Rupert Murdoch, il vecchio tycoon della carta stampata e della Tv satellitare, ha finora investito 30 milioni di dollari più mezzo milione a settimana per dare l’addio alle news gratis e riportarle a pagamento. Nell’era di un giornalism non più di carta, ma in digitale e declinato all’interattività e sposato con le nuove tecnologie. Ma, come per MySpace, ex numero uno dei social network, ora in svendita, anche questa avventura Internet di Murdoch si infrange negli scogli del mondo virtuale.

Per ora le cover flow in stile iTunes, le gallerie fotografiche e video in HD, le foto ruotabili a 360 gradi non hanno convinto i possessori di iPad.

La transizione delle pubblicazioni dei giornali sul supporto dei tablet non è stata un successo quasi per nessuno, trarre rare eccezioni. Il New York Times e Washington Post stanno sperimentando proprie versioni di aggregatori, come hanno fatto gli indipendenti FlipBoard o Zite, per studiare un nuovo approccio da affiancare alle Web apps.

The Daily su iPad
The Daily su iPad
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore