Il database cresce, ma non troppo

Aziende

Si inverte la tendenza dle mercato dei database che registra una crescita, seppur modesta, rispetto al dato negativo del 2002: i dati di
Gartner Group e Idc

A distanza di pochi giorni Gartner Group e Idc hanno rilasciato i dati sul mercato mondiale dei database nel 2003. La crescita non è particolarmente sostenuta, +5,1% secondo Gartner e +7,6% secondo Idc, ma vi è una inversione di tendenza rispetto all’anno precedente, nel quale si era registrato un risultato negativo, con un calo, secondo, Idc del 2%. Idc delinea un mercato da 13,6 miliardi di dollari, contro i 12,6 miliardi del 2002, mentre per Gartner il mercato 2003 è di 7,1 miliardi di dollari (le due cifre differiscono considerevolmente perché, oltre ad altre motivazioni, Garnter considera solo il fatturato derivante dalla vendita di licenze, mentre Idc vi ingloba anche quello relativo alla manutenzione); per entrambe le società di ricerca la crescita è in buona parte imputabile alle variazioni monetarie dollaro-euro (a moneta corrente, infatti, la crescita per Idc sarebbe intorno al 2%). Idc prevede che il mercato dei database raggiungerà i 20 miliardi di dollari nel 2008. Differisce anche la classifica dei fornitori che, per Gartner, vede Ibm al primo posto (35,7%), Oracle al secondo (32,6%), Microsoft al terzo (18,7%), mentre Idc vede al primo posto Oracle (39,8%), al secondo Ibm (31,3%), al terzo Microsoft (12,1%). Per entrambe le società questi tre fornitori dominano comunque il mercato con oltre tre quarti dello stesso.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore