Il Decreto Salva Italia mette a dieta le Authority e la privacy

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Mario Monti, Premier italiano, vara il Decreto per l'agenda Digitale e le Start-up

Il Decreto legge del Governo Monti dà una sforbiciata al concetto di privacy e ai componenti delle Authority, a partire dall’AgCom. Dilemma sul Beauty Contest

In attesa dell’approvazione da parte del Parlamento, il Decreto legge “Salva Italia” ha portato con sé anche alcune importanti novità nel mondo delle Authority. Per le imprese vengono ridotti gli adempimenti, in materia di tutela dei dati personali: i dati concernenti persone giuridiche, enti e associazioni non sono più tutelati, dunque possono essere trattati senza problemi.

Inoltre il Decreto Salva Italia mette a dieta le Authority, tagliando drasticamente il numero dei componenti dell’AgCom eccetera. Se l’americana Fcc opera con pochissimi membri, altrettanto possono fare le Authority italiane. Authority più snelle e indipendenti sono più efficaci di quelle appesantite da troppi componenti.

Inoltre è da registrare l’appello dell’AIIP, associazione italiana internet provider, all’AgCom per non deregolamentare il Bitstream in fibra.

Mario Monti, Premier italiano
Mario Monti, Presidente del consiglio italiano

. Infine la stampa chiede al Governo Monti di ripensare il Beauty Contest delle frewquenze Tv:  invece di regalarle, oggi converrebbe mettere le frequenze all’asta, guadagnando una cifra fa 1-16 miliardi di euro, preziosi per mettere in sicurezza i conti dello Stato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore