Digital advertising alla pari con la pubblicità Tv nel 2019

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Il digital advertising eguaglierà la spesa in pubblicità Tv dal 2019
0 5 Non ci sono commenti

L’anno prossimo la spesa globale in advertising registrerà un incremento del 15%: a trainare la pubblicità in Rete sono il mobile e le campagne sui social medi

La spesa in digital advertising eguaglierà quella in pubblicità Tv dal 2019. L’anno prossimo la spesa globale in advertising registrerà un incremento del 15%: a trainare la pubblicità in Rete nel 2015 sono il Mobile e le campagne sui social media. La spesa in advertising digitale totalizzerà 163 miliardi di dollari, e rappresenterà il 30% del totale della spesa pubblicitaria, secondo Magna Global, unità di Interpublic Group of Cos.

Nel prossimo quadriennio il digitale deterrà il 38% della spesa globale in advertising, una proporzione al pari di quella della TV, che per oltre un decennio vantava lo scettro della pubblicità in termini di market share.

Il pareggio fra Internet e Tv avverrà prima di quanto previsto, ha spiegato Magna Global alla conferenza su media e comunicazione di Ubs, che si è svolto a New York. Gli utenti consumer sono tutto il giorno connessi ai loro smartphone, mentre guardano la Tv molto meno. La spesa in mobile advertising si è impennata del 72% nel 2014: l’anno prossimo il Mobile non farà solo la parte del leone, ma monopolizzerà la crescita della pubblicità.

Il digital advertising eguaglierà la spesa in pubblicità Tv dal 2019
Il digital advertising eguaglierà la spesa in pubblicità Tv dal 2019

La spesa in pubblicità TV è proiettata a un aumento del 3% l’anno prossimo e si stima un incremento del 6% nel 2016. La TV è il top medium nella pubblicità dal 1999, quando superò i quotidiani, ma da allora è tutto cambiato. Smartphone e tablet hanno portato in auge l’advertising mobile.

La spesa in mobile advertising crescerà del 38% in media, ogni anno dal 2014 al 2017, stando a ZenithOptimedia. Tanto ottimismo è dovuto ai portafogli elettronici, che stanno sbarcando su smartphone e smartwatch.

Ma la spesa in mobile advertising rallenterà: dal picco del 72% del 2014 si passerà a un incremento del 45% nel 2015, al 36% nel 2016, secondo Magna Global.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore