Il digital workstyle secondo Microsoft

Management

Anteprima italiana per Office 12. Il punto su Live

Oltre che di Live Services, l’anno che arriva sarà per Microsoft anche quello di Windows Vista e di Office 12. In occasione del rilascio della versione beta per sviluppatori e clienti selezionati, in Italia il futuro Office System di Microsoft ha debuttato con l’appoggio di Jeff Raikes, presidente della Business Divisione di Microsoft. Formato primario della suite, che avrà disponibilità a fine 2006 con una beta 2 rilasciata entro l’estate, è XML per l’interoperabilità e la compatibilità primaria, con PDF chiesto a gran voce dall’utenza. Ma al di là dei tecnicismi, su cui ritorneremo più avanti, i principi di progetto sui quali si fonda la futura versione si incentrano sul tentativo di migliorare le modalità operative del lavoratore dell’informazione che è passato in dieci anni da un mondo non connesso a Internet a un senso di eccessivo collegamento con il mondo della rete. Si tratta di un contesto nuovo in cui quello che Raikes ha definito come “sovraccarico informativo” convive paradossalmente con la mancanza delle informazioni che servono di più e al momento giusto. Circa il 25 % del tempo lavorativo viene speso nella ricerca delle informazioni e altrettanto nella loro analisi solo per scoprire che essa non c’è quando serve. Lo scenario di Office 12 prevede poi un forte accento sul lavoro in collaborazione e sulla gestione del workflow, dove XML e Share- Point giocano le loro carte più importanti. Da qui nascono nuove funzionalità di gestione dei contenuti che permettono di unificare la gestione di tutte le informazioni, siano esse strutturate oppure no, come email,messaggi vocali e video. I file di default delle tradizionali applicazioni della suite Office saranno in un nuovo formato Open XML versione Office 12 che garantirà file di minori dimensioni, maggiore sicurezza e migliori capacità di recupero di file danneggiati. La gestione dei diritti (DRM) consentirà un accurato controllo di ogni singolo documento in lettura, scrittura e stampa. Completamente rinnovata anche l’interfaccia utente. Per coerenza non poteva mancare un accenno a Office Live, anch’esso previsto previsto in beta all’inizio del prossimo anno, per ora solo negli USA. Office Live è un set di servizi Internet progettati per automatizzare le principali attività aziendali interne ed esterne e di collaborazione con dipendenti, partner e clienti. Le soluzioni offerte da Office Live, ospitate sui siti Microsoft, sono destinate alle piccole aziende con meno di 10 dipendenti, che in tutto il mondo sono circa 28 milioni. Tali servizi possono essere utilizzati in maniera indipendente ma anche integrati nei programmi Office utilizzati regolarmente da oltre 400 milioni di persone nel mondo, compresi Outlook, Live Meeting e Office Small Business Edition. La versione Basics consentirà a una piccola azienda di affermare la propria presenza su Internet grazie a un dominio gratuito, un sito Web con 30 MB di spazio di memorizzazione e cinque account di posta elettronica Web, con un business model supportato dalla pubblicazione di inserzioni pubblicitarie. Office Live fornisce inoltre un set di servizi su abbonamento con oltre 20 applicazioni aziendali, basate sui servizi forniti da SharePoint, progettate per l’automatizzazione di attività aziendali ordinarie quali gestione di progetti, gestione vendite e servizi supplementari, gestione clienti, creazione di rapporti di spesa, gestione di tempi e fatturazione e collaborazione protetta interna ed esterna.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore