Il disegno di legge “Industria 2015”

Autorità e normativeNormativa

Stop ai fondi a pioggia. La nuova direttiva si trova nel decreto del ministro
Bersani e prevede una serie di misure di politica industriale

Il ministro per lo Sviluppo economico Bersani, ha presentato una serie di strumenti innovativi per un riordino generale delle politiche industriali. Il decreto chiamato ?Industria 2015? vuole stimolare l’unione (e non soltanto la fusione) fra le piccole e medie imprese con due nuovi fondi che avranno le risorse previste fino a oggi per altri interventi. Nel Fondo ci saranno le risorse stanziate dalla prossima legge Finanziaria, quelle assegnate dal Cipe al ministero dello Sviluppo economico (Fondo per le aree sottoutilizzate) e il Fondo Unico per gli incentivi, che continuerà a finanziare , oltre ai progetti d’innovazione industriale, le leggi esistenti fino all’entrata in vigore delle misure attuative per il riordino della normativa sulle agevolazioni. Inoltre il nuovo Fondo dovrebbe finanziare: investimenti e attività delle imprese coinvolte nei progetti, le infrastrutture di supporto diretto agli insediamenti produttivi e alle attività d’impresa e i cosiddetti ?interventi regionali complementari e integrativi? ai progetti. Secondo Bersani innovazione e sostegno finanziario sono i bisogni principali delle Pmi, ma l’intervento pubblico per essere efficace non può più, come in passato, prevedere interventi a pioggia, ma concentrarsi su un numero limitato di settori strategici.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore