Il dollaro Usa non sarà più solamente verde

Marketing

La storica decisione presa dalla Zecca americana per arginare il dilagante fenomeno della falsificazione. I normali mezzi di personal computing riescono infatti a contraffare bene la semplice grafica del biglietto verde

Biglietto verde da sempre sinonimo di dollaro, caratterizzato da una collaudata tricromia (bianco, nero e appunto verde) in tutte le sue pezzature, da una a mille unit (i tagli pi alti, da 500 e da 1000, non arrivano in Europa e in America sono usate solamente nelle grandi transazioni). Il termine talmente noto da essere normalmente usato negli articoli di economia, di colore, nelle pagine dei romanzi e nei dialoghi cinematografici. Ma tutta la letteratura legata al green bill destinata a scomparire, a partire dal 2003 e per colpa del computer. La Zecca degli Stati Uniti ha infatti deciso un cambiamento epocale, vale a dire lintroduzione graduale del colore allinterno delle proprie banconote. E stato infatti accertato che la maggior parte delle falsificazioni stata fatta e viene tuttora attuata con i normali mezzi di personal computing, in grado di ricostruire in maniera estremamente fedele la grafica piuttosto elementare del biglietto verde. Se nel 1995 la percentuale di dollari falsificati con il pc ammontava solamente allo 0,5 del totale delle banconote contraffatte, oggi la quota ammonta al 30% ed destinata purtroppo a salire ulteriormente, arrivando al 50% entro il 2004. Non potendo pi tollerare tali livelli di falsificazione (nel 2001 sono stati confiscati oltre 47 milioni di dollari falsi solamente negli Stati Uniti, senza contare quelli in circolazione allestero), la Zecca americana introdurr il colore a partire dal prossimo anno, iniziando con la banconota da 20 dollari, quella raffigurante il presidente Andrew Jackson. Tra i colori in lizza per il loro inserimento nelle zone neutre del biglietto verde, si segnalano quelli di Star Stripes, la bandiera a stelle e strisce degli States (bianco, blu e rosso). Ma si parla anche dellarancione, del giallo e del rosa. Dopo la banconota da 20 dollari, nel 2004 toccher a quelle da 50 e da 100 dollari, che poi saranno seguite – tra il 2005 e il 2006 – da quelle pi popolari (1, 5 e 10 dollari). Secondo indiscrezioni di ambienti vicini alla Zecca americana, la decisione sarebbe stata presa anche sulla base dei buoni risultati ottenuti in tutta Europa con le banconote delleuro, tutte differenti tra loro nella colorazione.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore