Il fisco allunga l’ombra su eBay

Autorità e normativeNormativa

L’Agenzia delle Entrate Usa vuole far pagare le tasse ai venditori

Il 2008 potrebbe portare una cattiva novella per eBay: dal primo gennaio del prossimo anno, secondo il Financial Times , si allunga lo spettro della tassa sul venduto ai seller di eBay. Il sito d’aste dovrebbe così allinearsi a Sotheby’s, condividendo con l’Internal Revenue Service i dati finanziari di chi opera oltre 100 transazioni all’anno o fattura una cifra superiore a 5mila dollari. Il regime senza vincoli fiscali nel cyberspazio deciso da Bill Clinton nel 1998 sembra volgere al tramonto? La lobbying per azzerare l’iniziativa fiscale sta già scaldando i motori. Per eBay i grandi rivenditori già pagano le tasse, e comunque non evaderle sta alla loro responsabilità personale. Del resto controllare il giro d’affari dei seller su eBay non è tanto banale: su eBay ammonterebbero a 97 milioni gli utenti statunitensi che nel 2006 avrebbero venduto merce per 25,2 miliardi di dollari. Su Internet guagagna chi vende, chi offre il servizio, ma anche chi risparmia: per il fisco statunitense non sarà semplice dipanare la matassa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore