Il fondatore di Java si unisce a Google

AziendeManagementMarketingNomine

James Gosling, fondatore di Java, ex di Sun Microsystems, entra in Google. Senza passare da Oracle

James Gosling, fondatore di Java, al momento dell’acquisizione di Sun Microsystems, non era voluto entrare in Oracle. Ieri Gosling ha annunciato l’ingresso in Google sul suo blog: “Non come sarà lavorare qui. Mi aspetto che sarà un po’ di tutto, assuefatto a un’ampia dose di burberi (letteralmente: grumpy curmudgeon)” ha scritto. Gosling ha sempre definito il Ceo di Oracle Larry Ellison, “Larry, Prince of Darkness” ovvero il Principe delle Tenebre.

Oracle e Google hanno una disputa di brevetti e violazione di copyright in corso, in merito a Google Android. L’ethos di Google ricorda la passione per la ricerca che ha caratterizzato Sun, ma in più Google ha il successo commerciale. Il beneficio di usare Java consiste nel fatto che difende i programmi dalle differenze dell’hardware sottostante (come l’impiego di processori differenti), consentendo a un singolo programma di girare su una varietà di dispostivi computing.

James Gosling, fondatore di Java
James Gosling, fondatore di Java, ai tempi di Sun
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore