Il giorno della Pec: 10 milioni entro fine anno

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza

Il ministro dell’Innovazione e PA Renato Brunetta ha promesso 10 milioni di Pec entro fine anno. Spera che i 23 milioni di cittadini digitali, definiti la “parte più dinamica della popolazione”, faranno pressing sulla PA per ottenere la copertura totale

Da oggi parte la “rivoluzione Pec” nella Pubblica amministrazione italiana. La Pec è la Posta elettronica certificata. Il ministro dell’Innovazione e PA Renato Brunetta ha promesso 10 milioni di Pec entro fine anno. Spera che i 23 milioni di cittadini digitali , definiti la “parte più dinamica della popolazione”, faranno pressing sulla PA per ottenere la copertura totale.

Il numero delle amministrazioni (centrali e locali) che hanno pubblicato una o più indirizzi di Pec nei propri siti istituzionali così come nell’indice delle pubbliche amministrazioni, da pochi giorni è in rapido aumento.
L’adeguamento è frutto dei solleciti di DigitPA, del Formez e dall’azione dell’ispettorato della funzione pubblica. Il ministero ricorda che il mancato assolvimento degli obblighi relativi alla Pec (nella “Riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione”, Decreto Legislativo n.150 del 27 ottobre 2009) prevede un effetto negativo ai fini della valutazione della performance individuale e organizzativa: dunque avrà influenza sugli stipendi.

Da oggi è possibile collegarsi al sito www.postacertificata.gov.it, chiedere l’attivazione del servizio, seguire la procedura guidata, aspettare 24 ore dalla richiesta. Quindi l’utente dovrà recarsi presso un ufficio postale abilitato per l’identificazione del soggetto che richiede la Pec e firmare il modulo di adesione.

Tutti i maggiorenni potranno fare richiesta di una casella PEC gratuita. La Posta Elettronica Certificata ha valore legale e sostituisce le raccomandate.

Pec nella PA
Pec nella PA

Leggi anche The Inquirer: Provaci ancora, PEC

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore