Il Gps fa sgambetto all’Autovelox

Autorità e normativeNormativa

Le rilevazioni della polizia stradale sono risultate meno accurate di quelle del navigatore satellitare di un diciottenne, multato per eccesso di velocità

Il Gps non è solo utile per non perdere l’orientamento e rintracciare vie sconosciute. Il tracciamento Gps potrebbe risultare anche efficace per farsi togliere ingiuste multe per eccesso di velocità. Non è un fatto di ctonaca italiana, ma ciò che è successo al 18enne Shaun Malone, potrebbe fare scuola. Il teenager ha convinto la corte di non aver supertato i limiti di velocità, dimostrando che il suo navigatore Gps è più accurato delle rilevazioni della polizia stradale. tuttavia la sentenza non è passata inosservata, anche perché i Gps non sono difficili da manomettere e potrebbero falsificare la realtà. secondo Brad Borst, presidente di Rocky Mountain Tracking, il caso costituirà comunque un precedente e dimostra l’accuratezza dei dispositivi satellitari, che non sono solo gadget.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore