Il Grande Fratello federale?

Sicurezza

In controtendenza con l’atteggiamento degli altri produttori, il direttore di
G Data commenta l’utilizzo pianificato di un software spia nazionale

L’interesse crescente delle autorità investigative in tool efficienti per meglio combattere il crimine e il terrorismo è comprensibile, ma contiene comunque un rischio difficilmente calcolabile. Il successo di un software spia nazionale può infatti essere garantito soltanto se, a loro volta, i produttori di sicurezza eliminano questo rischio. In caso contrario l’inevitabile risultato sarebbero delle falle nel sistema che i criminali potrebbero utilizzare per introdurre codici malevoli. G DATA coglie l’opportunità di commentare il silenzio di molti produttori di sicurezza. Il Direttore di G DATA Dr. Dirk Hochstrate ha quindi scelto di commentare come segue l’utilizzo pianificato di Trojan federali/nazionali: “Noi abbiamo ricevuto un compito molto chiaro dai nostri utenti: la protezione dei loro dati. Fino a quando esisterà anche solo il minimo dubbio tecnico, il gap di sicurezza che riguarda i cosiddetti Trojan federali potrebbe essere utilizzato da criminali come pure da cyber terroristi. Non dobbiamo dunque fare differenza tra buoni e cattivi software spia. Non è infatti ancora chiaro per noi in che modo le autorità preposte cercheranno di eliminare questo potenziale abuso.?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore