Il jailbreak per iPhone 4 si fa con Safari

AccessoriMarketingMobilityWorkspace

I guai per Apple non finiscono mai. Disponibile una versione di jailbreak per sbloccare iPhone 4 scaricabile direttamente dal browser Safari. Non mancano tuttavia i rischi

Trovare il modo di sbloccare l’iPhone è diventato uno degli sport più di moda ultimamente. Sarà che quanto più una sfida si annuncia difficile, tanto più attira l’idea di poterla vincere: sta di fatto che da quando Apple ha lanciato sul mercato il suo ultimo smartphone, le community di hacker non hanno perso tempo e si sono subito affrettati a trovare modi diversi e più o meno semplici per violare l’iPhone. A rinfrancarli, in parte, è arrivata alcuni giorni fa la notizia che secondo il congresso USA sbloccare l’iPhone non è da considerarsi reato, poichè il cliente che acquista il prodotto è autorizzato a farne quel che crede. Ma torniamo all’ultimo jailbreak: a differenza dei precedenti, questa soluzione consente di sbloccare l’iPhone semplicemente scaricando un file tramite il browser Apple Safari, sfruttando un bug che riguarda il visualizzatore di file PDF integrato nel browser.

La procedura per sbloccare l’iPhone 4 è, con buona pace di Apple, davvero semplice: è sufficiente collegarsi tramite Safari al sito www.jailbreakme.com e seguire le istruzioni fornite dai titolari del sito: una volta scaricato il file indicato e un probabile riavvio del telefono, si avrà tra le mani un iPhone “aperto”, ovvero in grado di accogliere applicazioni non necessariamente scaricate o acquistate su App Store e quindi senza la preventiva approvazione di Apple. Attenzione però, perchè la procedura di jailbreaking può avere anche effetti indesiderati, trattandosi di software “non ufficiale”: alcuni utenti che già hanno deciso di sbloccare il proprio iPhone 4 riferiscono malfunzionamenti legati all’invio degli MMS e all’applicazione FaceTime. Anche per questo motivo viene suggerito caldamente di eseguire un backup prima di avventurarsi nel jailbreaking. Va inoltre ricordato che sbloccare l’iPhone comporta, in caso di guasto, l’impossibilità di ricorrere alla garanzia fornita da Apple.

Non basterà una patch per Safari per correggere il baco, perchè la gestione dei file è da attribuire al nuovo sistema operativo Apple iOS4 ed è probabile che Apple stia già cercando di correre ai ripari risolvendo con un aggiornamento del sistema operativo.

Guarda il VIDEO TEST: iPhone 4 (con prova del bumper per il presunto problema di ricezione dell’antenna).

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore