Il Kuwait vuole bloccare YouTube

Management

I contenuti offensivi sull’Islam sono alla base della decisione

Video che potrebbero offendere i musulmani, potrebbero portare al blocco di YouTube in Kuwait. I contenuti offensivi sull’Islam sono alla base della decisione di voler bloccare il sito di video condivisione di Google.

Ad aprile anche la Thailandia aveva vietato YouTube. Su YouTube l’irriverenza dilaga, ma laddove la censura è forte, si arriva al blocco. Dopo un blocco temporaneo in Brasile, a causa di una violazione di privacy per un video sexy con la ex di Ronaldo, dopo un monito del governo indiano (per un video sulla lap dance di un finto Gandhi) e uno stop in Turchia (per offese al padre della patria Ataturk), l’accesso a YouTube è stato vietato anche in Thailandia, poiché era stata arrecata offesa al re del paese, il sessantenne sua maestà Bhumibol Adulyadej.

Ora il blocco potrebbe colpire YouTube in Kuwait, a causa di immagini irriverenti del libro sacro del Corano e del Profeta Maometto.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore