Il malware corre nella Rete

CyberwarSicurezza

Sono in deciso aumento le minacce derivanti dal Web. Lo afferma il rapporto
sulla sicurezza redatto da Sophos.

Nel primo semestre 2007 si è registrata un’impennata delle minacce provenienti dal Web, che risulta ad oggi lo strumento di attacco prediletto dai cybercriminali. Stando all’indagine realizzata da Sophos, nel solo mese di giugno i laboratori di controllo hanno isolato in media 29.700 nuove pagine infette al giorno, una cifra record rispetto a quella registrata agli inizi del 2007, che era di ?appena? 5.000 pagine quotidiane. Nell’analizzare un campione di un milione di pagine Web tra quelle bloccate da Sophos per proteggere i propri clienti da malware e contenuti indesiderati, gli esperti hanno riscontrato che il 28.8% dei siti ospitava malware. Un altro considerevole 28% presentava contenuti destinati agli adulti, in sostanza perlopiù siti pornografici o destinati al gioco d’azzardo. Il 19.4% era costituito da pagine create da spammer, mentre il 4.3% si sono rivelati siti illegali, legati alla vendita di software pirata o a truffe online (phishing). Tra tutti i siti Web contenenti malware, solo uno su cinque era stato progettato per scopi illeciti; il restante 80% era costituito da siti legittimi controllati da hacker. Apache si è rivelato il server più colpito con una percentuale del 51%, seguito da IIS 6 con il 34%. Tra i sistemi operativi a rischio, Windows è in buona compagnia, afferma il rapporto, in quanto molti dei server Web colpiti erano ospitati su piattaforme Unix. ??I gestori di spazio web ? dichiara Walter Narisoni, security consultant di Sophos Italia – sono chiamati ad agire in maniera responsabile, rafforzando la sicurezza dei propri server. Il semplice utilizzo di Apache non rende i server Web completamente immuni agli attacchi…. Il fatto che tali attacchi non rappresentino un problema per le sole piattaforme Windows servirà ad aprire gli occhi a tanti utenti?.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore