Il manifesto del Partito dei Pirati

CyberwarMarketingSicurezza

Il Partito dei Pirati ha redatto il manifesto per le elezioni inglesi. Fari puntati su: privacy, riforma della legge d’autore e libertà d’espressione

Anche alle elezioni inglesi potrà esserci il Pirate Party Uk, un partito che in Svezia ha vinto un seggio all’Europarlamento alle ultime elezioni europee e che in Germania, pur non entrando al Budestag) ha raggiunto il 2,1% dei consensi (si chiama Piratenpartei). Il Partito dei Pirati britannico ha tirato fuori dal cilindro il Manifesto 2010.

Il Partito dei Pirati a livello europeo si batte per la riforma del copyright, la tutela della privacy e per la libertà di espressione: i tre capisaldi dei cyber-navigatori, come è emerso anche all’italiana Festa dei Pirati (a Roma sabato scorso) e all’incontro con Lawrence Lessig a Montecitorio.

Il Partito dei Pirati inglese non vuole connotazioni né di destra né di sinistra, ma portare avanti le istanze della Rete, dei cyber-diritti e della lotta alla censura e ai bavagli online.

Il Manifesto del Partito dei Pirati Uk
Il Manifesto del Partito dei Pirati Uk
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore