Il meccanismo di inviti di Google+ ha troppe richieste

AziendeMarketingSocial media

L’eccesso di richieste, frutto di una domanda e un interesse “incredibile”, ha costretto Google a staccare la spina al meccanismo d’inviti di Google+. Google sembra aver fatto centro con la sua iniziativa di social network più intimo

Sono tutti pazzi per Google+ (si legge plus). Il meccanismo di inviti di Google+, il nuovo servizio di social network che sfida Facebook,  ha ricevuto troppe richieste e dunque il motore di ricerca Google è stato costretto temporaneamente a bloccare le adesioni per un eccesso di adesioni. Dopo il flop di Google Wave e Buzz, il motore di ricerca della BigG sembra avere “fatto centro” con Google+, imboccando finalmente la strada giusta nel mercato dei social network (la S-economy che impazza a Wall street).

Su Twitter in particolare, e su tutti i social network, è caccia agli invitiper Google+: segno che l’idea piace e in tanti la vogliono testare. Google+ aiuta gli utenti ad organizzare i contatti sociali con semplicità in gruppi di amici.

Ma l’eccesso richieste per il servizio doi social network, attualmente solo su invito, non piove dal cielo. Il brand di Google, nonostante la concorrenza agguerrita di Facebook, non ha mai perso smalto. Lo dimostra il fatto che il sito ha appena superato 1 miliardo di visitatori globali a maggio, diventando il sito numero uno, secondo ComScore, seguito da Microsoft al secondo posto con 905 milioni di visitatori, mentre Facebook è terzo con 714 milioni. Ma la mossa di Google nel social networkinh ha un motivo: gli utenti oggi spendono più tempo sui social network, che diventano dunque più ricercati dagli inserzionisti per la pubblicità. Infatti, sempre secondo comScore, a maggio Facebook catturava il 13% delle ore totali spese online, mentre Google si era dovuta accontare del 10%.

Se Google+ va nella direzione giusta, come l’eccesso di richieste fa presagire (tanto che il titolo di Google ha compiuto un balzo dell’1.8%, di nuovo sopra 506.38 dollari, recuperando sul declino del titolo annuale), il motore di ricerca potrà colmare il gap con Facebook. L’idea di implementare i Circle con gradualità, piace: Janco Partners afferma che è “postivo che Google adotti un approccio più lento“. Google ha scelto di limitare gli inviti da attivare ogni ora e ogni giorno; ora il meccanismo risulta bloccato, perché – come spiega Vic Gundotra, vice presidente della divisione social di Google – “Abbiamo interrotto il meccanismo di inviti durante la notte: la domanda è incredibile, ma vogliamo fare tutto con molta attenzione, in maniera controllata“. Niente passi falsi, dev’essere la parola d’ordine del nuovo Ceo di Google, Larry Page.

Google+ con le Cerchie di amicizie intime
Google+ con le Cerchie di amicizie intime
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore