Il mercato dei Pc di seconda mano

Aziende

In epoca di recessione, Gartner fa i conti in tasca al mercato dell’usato dei computer. Meno del 50% dei Pc ritirati vengono riutilizzati: a frenare sono gli alti costi dell’export e del trasporto

Il mercato del riuso c’è, ma solo il 44% dei Pc ritirati viene riutilizzato. Lo afferma la società di analisi Gartner che analizza il mercato dei Pc di seconda mano.

Un Pc su cinque trova una seconda vita nei mercati emergenti. Ma a frenare il mercato dell’usato, sono gli alti costi dell’export e del trasporto.

I Pc sono di seconda mano ed entrano a pieno titolo nel mercato dell’usato, secondo Gartner, quando passano di mano, dopo tre mesi dal primo proprietario.

Il mercato dell’usato dei Pc rappresenta un mercato frammentato e competitivo, ma che offre grandi opportunità a intermediari specializzati, rivenditori o vendor. Ma deve aver a che fare con le normative sulla privacy, sull’ambiente, sulla pirateria software eccetera.

A far crescere i numeri del mercato di seconda mano, è stato il lancio di Windows Vista, da parte di Microsoft: un sistema operativo con elevate richieste hardware, che ha fatto abbandonare il Pc precedente, perché poco performante con Vista, per un computer di maggiori prestazioni.

A livello regionale, i grandi esportatori di Pc per il mercato dell’usato sono Nord America, Europa occidentale, Giappone e Australia. In termini di domanda, tcrescono invece Medio Oriente e Africa (MEA) e Asia/Pacifico, trainata dalla Cina.

Leggi anche: Un miliardo di computer nel mondo

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore