Il mercato Ict sotto la lente

Network

I risultati del Rapporto Assintel relativi al mercato Ict italiano denotano un andamento positivo. Lorientamento del mercato si sposta sempre più dalle tecnologie alle soluzioni

Il 2000 è stato un anno di crescita sostenuta per il mercato It, che ha registrato un +13,5% rispetto al 1999, per un valore di spesa che passa dai 36.200 miliardi di lire del 99 ai 41.100 alla fine del 2000. Nel 2000 sono stati spesi 73.300 miliardi in telecomunicazioni (+9,2% sul99), di cui 28.900 miliardi nel segmento delle telecomunicazioni mobili(+20,4% sul99) e 44.400 miliardi in quello delle telecomunicazioni fisse (+3,0% sul 99). È questo lo scenario tracciato dallAssintel Report 2001 sullandamento del mercato Ict in Italia. Internet appare come lelemento che orienta lo sviluppo e la crescita della domanda delle componenti prodotti e servizi, mentre sul complessivo tasso di crescita del mercato ha influito il bisogno di soddisfare esigenze quali la realizzazione di una fruizione efficace delle tecnologie, il disporre di soluzioni meno complesse, limplementazione di nuove soluzioni e di nuove infrastrutture. Il più alto tasso di crescita è stato registrato dallhardware (+18,7%), seguito dai servizi (+12,4%) e dal software (+10,7%). Sul versante delle spese, il settore servizi si colloca in prima posizione, con 17.700 miliardi di lire; in seconda posizione si colloca lhardware con 15.900 miliardi. Seguono il software, con 5.900 miliardi e la manutenzione hardware, componente che ha richiesto una spesa di 1.600 miliardi. Scendendo nei dettagli, nel settore dei servizi, larea Project Services ha avuto il maggior livello di crescita in termini di volumi di spesa (9.600 miliardi, dagli 8.760 del 99), seguita da Management Services (7.220 miliardi, dai 6.200 del 99) e, a maggior distanza, dallarea Enhanced Support Services (880 miliardi, dai 790 del 99). Sul Management Services hanno influito alcuni nuovi contratti siglati nellanno appena trascorso, i cui effetti si manifesteranno nel breve periodo, per poi normalizzarsi negli anni successivi. Scomponendo le spese e analizzando i due ambiti di maggior rilevanza emerge che, nel settore Project Services, la maggior parte degli investimenti sono stati attuati nellambito del servizi professionali (59,7% del segmento, pari a 5.734 miliardi, dai 5.002 del 99). Seguono servizi di Systems Integration (22,3%, 2.136 miliardi dai 2.078 del 99), di Training (10,1%, 970 miliardi dai 920 del 99) e di It Consulting (7,9%, con 760 miliardi, cifra invariata rispetto allanno precedente). Nel Management Services, la parte più rilevante di spesa si è collocata sul versante delloutsourcing, (69,5% del segmento, con 5.017 miliardi di spesa, dai 4.196 del 99). Seguono Processing (18%, 1.299 miliardi, in discesa dai 1.410 del 99), Hosting/Housing/Asp (6,8%, 493 miliardi dai 257 del 99), Application Management (5,7%, 411 miliardi contro i 337 del 99). Nellambito dellhardware, i personal computer rappresentano la principale categoria di prodotti, cui è destinato oltre il 47% dellintera spesa (7.548 miliardi dai 6.361 del 1999). Lelemento più dinamico, tuttavia, è rappresentato dal networking hardware (1.780 miliardi, registrando un +33,8% sul 99), seguito dalle apparecchiature di storage (1.080 miliardi), che hanno avuto una crescita più elevata rispetto agli anni precedenti. Andamenti negativi per i large system (375 miliardi dai 395 del 99) e le workstation (141 miliardi dai 175 del 99), mentre la categoria stampanti, a cui nel 2000 è stata destinato l11,4% dellintera spesa hardware, cresce lentamente dallanno precedente, raggiungendo i 1.820 miliardi. Analizzando più dettagliatamente il segmento Pc, i tassi di crescita sono stati più rilevanti nei segmenti notebook e Pc desktop di tipo consumer (rispettivamente 2.030 miliardi dai 1.200 del 99 e 1.810 dai 1.260 dellanno precedente), seguiti dal settore pc server, passato da 880 miliardi a 930. La spesa per Pc desktop per il mercato professional e personal workstation su Nt, invece, ha registrato un trend negativo, diminuendo rispetto al 99. Il segmento Pc desktop professional si è assestato, infatti, sui 2.600 miliardi, dai 2.820 del 99; questo andamento è da ricondurre alla saturazione del mercato, nellambito dellutenza business, che implica, di conseguenza, solo sostituzioni e al fatto che, in molti casi, al desktop viene preferito il notebook. Il settore personal workstation su Nt è sceso a 178 miliardi dai 201 del 99. Nellambito software, è il settore applicativo a rappresentare la voce predominante, cui è destinato oltre il 54% della spesa (3.215 miliardi, dai 2.950 del 99). Seguono le voci middleware/tool (1.780 miliardi dai 1.450 dellanno precedente) e system software (905 miliardi, dai 930 del 99). La domanda di software applicativo è stata guidata soprattutto dalla domanda di rinnovamento del parco applicativo esistente, in particolare in area back office e dalla domanda di soluzioni standard o quasi standard da parte del segmento delle piccole e medie imprese. Allinterno del segmento hanno registrato dinamiche di crescita significativa prodotti innovativi legati a customer relationship management, call center, supply chain management, applicativi pre e-commerce e marketplace. Scomponendo il segmento emerge che le spese in ambito Erp rappresentano il 17,2% mentre il software gestionale copre un ambito del 15,1%. Seguono, Office Automation (10,7%), Cad/Cam (7,8%), Crm e Call Center (4,7%).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore